Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Verso una nuova ipnosi: una proposta neurofisiologica analogica

Dopo una breve introduzione dell'epistemologia ipnotica, propongo l'iquadramento del fenomeno ipnotico secondo la visione della Psicologia Analogica di Stefano Benemeglio da un punto di vista neurofisiologico.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 1 - INTRODUZIONE Questo contributo si propone di risolvere alcuni interrogativi posti dall’odierna epistemologia inerenti lo stato ipnotico, e di inquadrare questo stato all’interno di un nuovo paradigma. Nella prima parte dell’elaborato, partendo dall’analisi della letteratura più recente a riguardo, si tenterà di evidenziare come è oggi necessario superare l’ormai vecchio dibattito sull’esistenza o meno di uno stato ipnotico, sia all’interno di un modello concettuale basato sui sistemi dinamici, sia ridefinendo il concetto di induzione ipnotica. Per quanto riguarda quest’ultima, ci soffermeremo sul fatto che le attuali scale di valutazione di induzione sono ormai superate ed è ormai necessaria una revisione delle stesse su una nuova definizione di ipnosi. Successivamente cercherò di mettere in evidenza le attuali conoscenze neurofisiologiche dello stato ipnotico. Si evidenzieranno le modalità con cui i soggetti in ipnosi attivano determinati meccanismi della coscienza, della percezione del proprio corpo e di arousal e rilassamento. Per i primi sono interessati i nuclei del tronco encefalico, intimamente connessi con l’integrazione corpo-cervello e con gli stati di attenzione. Sappiamo inoltre come dai nuclei del tronco partono proiezioni verso la corteccia cingolata anteriore e di come il tronco, il talamo e la corteccia cingolata sono coinvolti negli stati di coscienza. Per i secondi meccanismi rilevati sono sempre gli stessi circuiti neuronali ad essere coinvolti, ma intesi in senso di rilassamento e assorbimento-attivazione. Nella seconda parte cercherò di risolvere i problemi posti in un’ottica che definisco rivoluzionaria, se riferita alla concezione classica di ipnosi. L’ottica proposta è quella dell’Ipnosi Dinamica di Stefano Benemeglio. L’ipnosi viene così definita come una sindrome da stress sperimentalmente indotta e si propone una nuova lettura dei risultati ottenuti dalla letteratura disponibile. Successivamente, cercherò di dimostrare le modalità con cui l’induzione

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Marco Rotonda Contatta »

Composta da 35 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1179 click dal 27/07/2009.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.