Skip to content

Musicalmente suonando. Un percorso per lo sviluppo delle abilità musicali. L'abrsm nella lezione di strumento

Informazioni tesi

  Autore: Vera Mazzotta
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Didattica strumentale indirizzo abilitante A77
Anno: 2009
Docente/Relatore: Sandra Fortuna
Istituito da: Conservatorio di musica Licinio Refice - Frosinone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 144

La tesi parte dal ruolo dell'orecchio nello sviluppo delle abilità musicali e creative come tecniche nel giovane pianista.
in particolar modo discute l'importanza dello sviluppo delle stesse nella formazione tanto del musicista professionista quanto del ragazzo che in età di formazione , si avvicina ad uno strumento. L'ipotesi di lavoro viene formulata sulla base del progetto di tirocinio portato avanti presso la SMIM SINOPOLI. Qui, alcuni ragazzi sono stati seguiti e monitorati nei miglioramenti e nei progressi a seguito dell'integrazione nella lezione di strumento del Syllabus.Come mezzi di verifica sono stati utilizzati i Testi di sviluppo dell'Audiation di Edwin Gordon ed ADOBE AUDITION3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 CAPITOLO I L’ORECCHIO NEL FARE MUSICA L’educazione dell’orecchio è cosa di massima importanza. Procurate per tempo di saper riconoscere ogni suono ed ogni tonalità. R.Schumann 1.1 Premessa Per molto tempo la Didattica non solo Italiana, ha privilegiato nell’insegnamento strumentale lo sviluppo di abilità tecniche e fisiche senza curarsi di quelle creativo-percettive. Le prime sono da sempre state avvertite come collegate al solo fatto fisico e corporeo, le seconde invece all’orecchio tanto da permettere il diffondersi di espressioni come ‘suonare ad orecchio’, avere un orecchio assoluto, più di recente, ‘allenare l’orecchio’. Una separazione a volte dicotomica fra due campi percepiti, a torto, come separati quando non opposti, accanto ad un uso e abuso di termini generici mai definiti, come ‘musicalità’ o ‘talento’ per indicare musicisti di buon livello. Superfluo affermare che orecchio, emozione, capacità tecniche capaci di tradurre questa emozione, non sono campi separati o separabili ma solo aspetti diversi di una globalità e che in quanto tali vanno curati e coltivati attraverso una programmazione attenta e specifica. Non solo. La neurofisiologia e le neuroscienze hanno dato dimostrazione degli studi ed esperimenti fatti da Alfred Tomatis negli anni ‘50 sulle funzioni non mediche dell’orecchio, rivelando che le funzioni di questo organo,vanno bel oltre la semplice capacità di ‘udire’. Esse sono fortemente collegate con il resto del corpo con ripercussioni sulla globalità degli aspetti che concorrono nel suonare, abilità tecnico- fisiche comprese e forse più ancora su queste che su altre. A loro volta, le abilità percettivo-creative, ritenute dominio assoluto dell’orecchio, trovano la loro base nell’attività fisiologica del pensare, e, nello specifico, del pensare in modo musicale, del cervello. Anzi, il funzionamento dell’orecchio e della percezione, intesa come integrazione cerebrale dei dati raccolti dall’orecchio stesso, potrei dire che è solo il punto di partenza dello sviluppo delle abilità tecnico-fisiche prima di quelle percettive. Dal punto di vista ‘fisico’ e fisiologico, suonare nella sua globalità dipende dal particolare funzionamento di quest’organo e dallo sviluppo e modificazioni che le sue reti neurali hanno nel tempo in funzione dell’ambiente, delle attività, del tipo di studio e di ‘allenamento’ e pratica musicale che affrontiamo. L’orecchio è quindi organo di percezione profonda, base e primo step per lo sviluppo delle abilità tecniche, coordinate neurologicamente dal cervello.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abilità creativo-percettive
audiation
audition 3
canto
composizione
didattica
discriminazione
edwin gordon
gioco
improvvisazione
lettura a prima vista
memoria
metodologia dell'insengnamento del pianoforte
motivazione
music learning theory
musicalità pratica
neuroscienze
orecchio
pianoforte
scuola media ad indirizzo
suonare ad orecchio
testi di audiation
tocco pianistico
tomatis

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi