Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Giustizia e libertà nel pensiero di Thomas More

Storia della filosofia del Rinascimento

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’Inghilterra tra la seconda metà del secolo XV e la prima metà del secolo XVI “Fra un re legittimo e i più feroci tiranni c’è questa differenza: che il tiranno considera i sudditi schiavi, il re figli” (Epigramma 109) 0.1 Il regno di Enrico VII (1485 – 1509) Con la vittoria di Enrico VII su Riccardo III termina la cosiddetta Guerra delle Due Rose, che aveva insanguinato l’Inghilterra dal 1455 per trent’anni. Il nuovo re salì al trono in una situazione di grave incertezza per la stabilità del regno: mancando una legge di successione era difficile infatti stabilire un criterio per la successione, e lo stesso Enrico apparteneva ad un ramo illegittimo della casata dei Lancaster. La sua prima preoccupazione una volta ottenuto il potere fu quindi quella di reprimere i restanti focolai di opposizione, e di evitare l’insorgerne di altri; entrambi i tentativi restarono però parziali, dal momento che, se non si arrivò a rovesciare il sovrano dal trono, le ribellioni continuarono per tutta la durata del regno, e richiesero ingenti sforzi per essere tenute a bada. La prima convocazione del Parlamento da parte di Enrico VII risale al suo primo anno di regno, con l’ordine del giorno di affrontare proprio gli avversari del re, che non riconoscevano la legittimità ella sua incoronazione. Di fatto, il diritto di Enrico a regnare, come si è visto non era affatto scontato, anzi derivava soltanto da una vittoria militare, letta in chiave profetica come giustificazione dall’alto. Era assente ogni riferimento ad un principio di legittimità, e lo stesso parlamento non fece altro che riconoscere il potere del nuovo sovrano e quello futuro dei suoi eredi. In generale la politica di Enrico VII si caratterizzò proprio per un uso molto limitato del parlamento quale strumento di governo: egli infatti, sempre spinto dalla necessità di evitare le rivolte e le rivendicazioni, attuò un sistema di governo teso a concentrare e rafforzare le istituzioni centrali legate alla persona del sovrano: basti pensare che mentre prima 2

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marco Cirillo Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1116 click dal 27/01/2011.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.