Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Appalto di costruzione nel settore ospedaliero - Il caso dell’ospedale di Brasov in Romania

Costruzione di ospedali in Romania, focus sulla gara

Mostra/Nascondi contenuto.
APPALTO DI COSTRUZIONE NEL SETTORE OSPEDALIERO IN ROMANIA    IV INTRODUZIONE ono numerosi i fattori che inducono a pensare la Romania, nella zona dell’Europa centro-orientale, come uno dei paesi con maggiori qualità e soprattutto con maggior potenziale di sviluppo. Non mancano le risorse naturali, di cui il territorio è ricco. Numerosi fiumi e campi interminabili fanno sì che l’agricoltura (la Romania è chiamata il Granaio d’Europa) possa crescere pienamente, diventando il motore del processo di sviluppo. Il tessuto industriale è compatto, anche se necessita di investimenti che portino ad un rinnovamento infrastrutturale. Inoltre, il paese si trova in una zona geograficamente strategica, confine tra il mondo asiatico e l’Unione Europea, area di intenso “traffico” di merci e di capitali. Tra gli anni 2004 e 2006 sono stati compiuti numerosi interventi legislativi in settori strategici di natura strutturale, i quali dimostrano l’effettivo interesse per la classe dirigente (anche di diversa estrazione politica) verso un completo processo di integrazione europea che possa, il più possibile, avvicinare la Romania ai parametri europei, sotto il profilo economico, giuridico e politico. E’ stato riformato il sistema sanitario attuando una politica di decentramento e cambiamenti radicali sono stati imposti anche al potere giudiziario (con l’importante lotta alla corruzione). Sono state, inoltre, recepite le direttive contenenti i principi nel campo degli appalti pubblici, grazie ai quali il mercato delle infrastrutture ha conosciuto un importante miglioramento proprio negli ultimi anni. Sono attivi numerosi programmi di ristrutturazione e rinnovamento grazie anche alle istituzioni internazionali che, non a caso, dimostrano di credere nel paese. In sintesi, tutto il paese ha sempre avuto come obiettivo l’avvicinamento all’Europa, obiettivo che, fin dalla caduta del Regime di Ceausescu, la Romania ha sostenuto con vigore, nonostante i primi anni ’90 abbiano segnato una “paralisi” dei poteri governativi in termini di riforme strutturali. Dopo un periodo di crisi che ha segnato irrimediabilmente i primi anni della democrazia rumena, il “sistema paese” ha dato prova di grande unità S

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Luca Casarini Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 489 click dal 29/07/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.