Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tg e politica. Studio di un caso: elezioni politiche 2006

Con questo lavoro di analisi si cerca di capire se i tg italiani riescono a svolgere in maniera adeguata il ruolo di principale, se non unico strumento, di conoscenza delle notizie del giorno per platee vastissime che, secondo i dati Censis, non leggono i giornali nè usano Internet e neppure in molti casi ascoltano la radio. Per rispondere a questa domanda ho messo a punto un monitoraggio di due settimane (sabato e domenica esclusi) sui titoli dei tg, in un periodo di tempo compreso dal 6 al 10 marzo 2006 e dal 3 al 7 aprile 2007, delle edizioni meridiane del Tg1, Tg2, Tg3, Tg4, Tg5, Studio Aperto e il TgLa7. Queste edizioni principali sono state poi confrontate con due quotidiani nazionali: La Repubblica e il Corriere della Sera.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Con questo lavoro di analisi si cerca di capire se i tg italiani riescono a svolgere in maniera adeguata il ruolo di principale, se non unico strumento, di conoscenza delle notizie del giorno per platee vastissime che non leggono i giornali né usano internet e neppure, in molti casi , ascoltano la radio. Per rispondere a questa domanda è stato messo a punto un monitoraggio di due settimane (sabato e domenica esclusi) sui titoli dei tg, in un periodo di tempo compreso dal 6 al 10 marzo 2006 e dal 3 al 7 aprile 2007, delle edizioni meridiane del Tg1, Tg2, Tg3, Tg4, Tg5, Studio Aperto e il Tg La7. Queste edizioni principali sono state poi confrontate con due quotidiani nazionali (La Repubblica e il Corriere della Sera). I telegiornali coprono fette significative dei palinsesti (all’inizio degli anni Duemila questa quota era del 18.7% in Rai e del 12,8% in Mediaste); raggiungono un numero di cittadini esponenzialmente più alto del numero dei lettori dei giornali; sono le trasmissioni di punta delle reti televisive e fanno da traino per i programmi di prima serata; in particolare Tg1 e Tg5 rappresentano un’informazione “generalista” rivolta a un pubblico composito ma essenzialmente familiare, per il quale è essenziale una comunicazione efficace, semplice e, naturalmente, imparziale. Nelle settimane analizzate alcuni dei telegiornali esaminati spesso sono apparsi disattenti, superficiali e incompleti. È importante notare un frequente squilibrio tra l’informazione politica e la cronaca. È vero che i telegiornali devono interessare un pubblico molto vasto e per sua natura popolare, ma troppe volte danno spazio a eventi

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Valentina Sulas Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 689 click dal 29/07/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.