Skip to content

Studio di circuiti lineari frazionali nel dominio tempo discreto

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Patrizi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria elettronica
  Relatore: Massimo Panella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 108

Di cosa parla questo testo?
In questo scritto saranno descritte e studiate le basi teoriche all’origine di una nuova classe di sistemi elettronici, cioè i sistemi lineari di ordine non intero. Un sistema di ordine non intero è descritto da potenze non intere nel dominio di Laplace, come ad esempio il semplice sistema descritto dalla funzione di trasferimento sa, con a 2 R. Le equazioni corrispondenti nel dominio del tempo assumono la forma di derivate di ordine non intero, come mostrato nel § 1.4.2 nella pagina 13.

Perché si studiano questi sistemi, quali sono i vantaggi?
Da qualche anno è cresciuto l’interesse verso sistemi elettronici di questo tipo, grazie ai risultati incoraggianti, come dimostrano le prestazioni, nettamente superiori, di controllori realizzati con le nuove teorie, rispetto ai controllori standard. Molteplici articoli guardano a questi sistemi come ai sistemi del futuro: Ortigueira [30] sottotitola il suo articolo, che dà una visione d’insieme dello studio dei sistemi frazionari, con le parole:
The 21st Century systems;
Secondo Chen [12] i sistemi frazionari saranno universalmente diffusi, per un semplice motivo, che detto con le sue parole: Using several real world examples, we further argue that, fractional order control is ubiquitous when the dynamic system is of distributed parameter nature.
Quindi, ciascun sistema a costanti distribuite, è un sistema frazionario per sua natura, ed è quindi ben descritto dalle teorie trattate in questo testo.

A che punto sono gli studi?
Le basi dei sistemi di ordine non intero risalgono a più di 300 anni fa, quando stavano venendo alla luce le teorie dell’analisi infinitesimale.
Se ha senso calcolare le derivate di ordine intero di una funzione, che significato potrebbe avere una derivata di ordine non intero? A partire da questa domanda posta da Leibniz a l’Hôpital, hanno avuto origine gli studi sulle teorie matematiche alla base dei sistemi che vedremo in questo testo, che ormai, con circa 300 anni alle spalle, sono sufficientemente sviluppate per l’utilizzo. Tuttavia, è solo in tempi recenti che questi studi hanno cominciato a sfociare in interessanti applicazioni pratiche, dopo essere state a lungo considerate come un esercizio di pensiero.
L’ambito dei controlli è stato il primo ad essere affrontato, attualmente è il più esteso, sebbene ancora non siano stati sviluppati tutti gli strumenti frazionari di analisi e progettazione, disponibili invece per i sistemi di ordine intero. Per quanto riguarda i sistemi digitali gli studi sono più carenti, spesso limitati ad implementazioni digitali di sistemi di controllo. Tuttavia i sistemi digitali di ordine non intero, si comportano come sistemi a ritardo frazionario, appoggiandosi alla teoria nota del ricampionamento digitale dei sistemi.

Come documentarsi sull’argomento? Perché questo testo?
Attualmente, per quanto ci è noto, non esistono libri esaustivi riguardanti la teoria e le applicazioni ai sistemi elettronici di ordine non intero, a parte forse il recente [16], consultato poco prima di ultimare questo lavoro. La maggior parte degli studi è disponibile sotto forma di articoli, che spesso trattano un problema specifico.
In questo testo si è cercato di dare una panoramica dello stato attuale della ricerca, illustrando tutte le conoscenze di base necessarie per intraprendere uno studio dei sistemi razionali non interi. La teoria è stata ricostruita a partire proprio dagli articoli reperibili, pressoché unica e molteplice fonte di informazioni, integrando diverse fonti, esplicitando calcoli matematici, affiancando grafici e script Matlab, e spesso anche aggiungendo considerazioni personali. Si è quindi cercato di organizzare in maniera coerente e sistematica, in un unico testo, tutte le informazioni basilari per lo studio di tali sistemi, tenendo presente un target di lettori che, come l’autore, possiedono una base culturale scientifica data dai corsi di ingegneria.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREFAZ IONE “This is an apparent paradox from wich, one day, useful consequences will be drawn” Leibniz, 30 settembre 16951 Di cosa parla questo testo? In questo scritto saranno descritte e studiate le basi teoriche all’origine di una nuova classe di sistemi elettronici, cioè i sistemi lineari di ordine non intero. Un sistema di ordine non intero è descritto da potenze non intere nel dominio di Laplace, come ad esempio il semplice sistema descritto dalla funzione di trasferimento sα, con α ∈ R. Le equazioni corrispondenti nel dominio del tempo assumono la forma di derivate di ordine non intero, come mostrato nel § 1.4.2 nella pagina 13. Perché si studiano questi sistemi, quali sono i vantaggi? Da qualche anno è cresciuto l’interesse verso sistemi elettronici di que- sto tipo, grazie ai risultati incoraggianti, come dimostrano le prestazio- ni, nettamente superiori, di controllori realizzati con le nuove teorie, rispetto ai controllori standard. Molteplici articoli guardano a questi sistemi come ai sistemi del futuro: Ortigueira [30] sottotitola il suo ar- ticolo, che dà una visione d’insieme dello studio dei sistemi frazionari, con le parole: The 21st Century systems; Secondo Chen [12] i sistemi frazionari saranno universalmente dif- fusi, per un semplice motivo, che detto con le sue parole: Using several real world examples, we further argue that, fractional order control is ubiquitous when the dynamic system is of distributed parameter nature. Quindi, ciascun sistema a costanti distribuite, è un sistema frazionario per sua natura, ed è quindi ben descritto dalle teorie trattate in questo testo. A che punto sono gli studi? Le basi dei sistemi di ordine non intero risalgono a più di 300 anni fa, quando stavano venendo alla luce le teorie dell’analisi infinitesimale. Se ha senso calcolare le derivate di ordine intero di una funzione, che significato potrebbe avere una derivata di ordine non intero? A partire da questa domanda posta da Leibniz a l’Hôpital, hanno avuto origine gli studi sulle teorie matematiche alla base dei sistemi che vedremo in questo testo, che ormai, con circa 300 anni alle spalle, sono sufficien- temente sviluppate per l’utilizzo. Tuttavia, è solo in tempi recenti che questi studi hanno cominciato a sfociare in interessanti applicazioni 1 Tratto dalla lettera di risposta del 30 settembre 1695 di Leibniz a l’Hôpital, riguardo al significato della scrittura dn f /dxn, se ad esempio si avesse n = 1/2. Disponibile su [3, pagina vii], anche sul sito Google libri. iii

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

codifica del parlato
derivare di ordine non intero
derivate frazionarie
differintegrali
matlab
modelli arma frazionali
sistemi analogici
sistemi di controllo
sistemi di ordine non intero
sistemi discreti
sistemi lineari frazionari
tecnologie componenti frazionali
teoria dei circuiti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi