Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi del differenziale salariale di genere

La tesi presenta un' analisi sia dal punto di vista empirico che teorico della differenza salariale tra uomini e donne sul mercato del lavoro evidenziandone i risultati più significativi.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE L’esistenza di un significativo differenziale salariale per sesso è un risultato ricorrente negli studi sul mercato del lavoro italiano, con le donne che ricevono remunerazioni considerevolmente inferiori rispetto agli uomini. L’obiettivo di questa tesi è quello di analizzare il differenziale salariale di genere, sia dal punto di vista teorico che empirico, ed i diversi modelli di stima fornendo risultati di rilevanza nazionale con riferimento a specifiche classi di età, settori produttivi ed aree professionali. Nel capitolo 1 si indaga il fatto che le donne siano sistematicamente meno retribuite degli uomini e si definisce il differenziale salariale analizzandolo relativamente ai diversi paesi europei. Nel capitolo 2 si descrivono le diverse teorie proposte dalla letteratura per cercare di dare una spiegazione all’esistenza del fenomeno oggetto di questa tesi. Nel capitolo 3 vengono poi approfonditi alcuni aspetti metodologici attraverso la presentazione di alcuni metodi di stima dei differenziali salariali, tra i quali quello di Oaxaca-Blinder, che ci consente di verificare il peso di ogni variabile nella spiegazione del differenziale salariale e delle diverse componenti - rendimenti e caratteristiche. La stima del differenziale salariale medio, attraverso questo metodo, tuttavia non tiene conto delle possibili differenze che vi possono essere lungo la distribuzione salariale. Un problema particolarmente rilevante nella stima si riscontra in presenza di una bassa partecipazione delle donne alle forze lavoro e di eterogeneità tra occupati e non occupati; in tali contesti è necessario utilizzare procedure di stima che correggano per tali problemi. Stime dei differenziali che non correggono per la selezione non casuale delle donne nell’occupazione possono comportare una

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Sara Marri Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1449 click dal 31/07/2009.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.