Skip to content

La delocalizzazione e le strategie di internazionalizzazione: il caso Benetton

Informazioni tesi

  Autore: Tommaso D'ippolito
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Ernesto Chiacchierini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 150

Nel primo capitolo il processo di internazionalizzazione sarà analizzato nelle diverse modalità in cui viene ad attuarsi e sulla base delle diverse definizioni di internazionalizzazione che sono state proposte dalla letteratura economica nel corso del tempo.
Infatti, il concetto di internazionalizzazione appare estremamente ampio è permette differenti interpretazioni; l’espansione oltre i confini nazionali si verifica, dunque, mediante differenti modalità, in funzione delle dimensioni e delle potenzialità delle imprese, nonché in relazione a diversi fattori in grado di influire sulla competitività delle imprese sui mercati internazionali, quali il mercato di appartenenza, le regolamentazioni, le normative e i servizi offerti alle aziende nei mercati in cui queste vogliono operare.
L’internazionalizzazione può essere interpretata come una fase dello sviluppo aziendale internazionale, durante il quale l’azienda s’impegna sempre di più ed è sempre più coinvolta in operazioni internazionali, mediante un prodotto specifico in un mercato prescelto; può essere vista come il processo graduale attraverso il quale un’azienda si espande trasferendo le sue capacità all’estero, procedendo inizialmente con esportazioni sporadiche, in seguito aumentando le relazioni con i partner stranieri e, infine, andando ad investire direttamente all’estero.
La delocalizzazione del made in Italy appare attualmente come una possibile modalità organizzativa per riuscire ad essere competitivi sui mercati mondiali, sebbene non vi sia una forma organizzativa ottimale che sia valida per le diverse imprese.
Storicamente, come si avrà modo di vedere nel secondo capitolo del presente lavoro, la delocalizzazione e l’internazionalizzazione, in Italia, si è sviluppata in un periodo temporale successivo rispetto agli altri paesi industrializzati; inoltre, vi sono state difficoltà in tal senso dovute alla generale ridotta dimensione delle imprese nazionali, che sono delle PMI in misura maggiore che in altri paesi, e ai settori in cui operano. In ogni caso, attualmente, sembra emerge che siamo di fronte non ad un ricorso alla delocalizzazione internazionale di tipo generico, quanto invece ad una precisa riorganizzazione del processo produttivo. A tale proposito, l’impresa decide di trasferire all’estero uno o più moduli, una o più fasi della sua attività e stabilisce anche come la lavorazione debba essere fatta.
Come caso pratico, nel terzo capitolo, si è scelta la delocalizzazione attuata da Benetton, che è venuta sempre più estendendosi a partire dall’inizio del nuovo millennio. La localizzazione produttiva e l’internazionalizzazione di Benetton sono ormai estremamente sviluppate. A tale riguardo il numero di attività mantenute nella penisola è venuto drasticamente riducendosi nel corso degli ultimo decennio; si è parimenti registrata una perdita occupazionale nel nostro paese, soprattutto nel tradizionale distretto travisano.
Benetton non si è limitato a delocalizzare i propri impianti ma ha altresì ‘costretto’ alla delocalizzazione numerosi imprenditori veneti. Questi ultimi, fornitori della Benetton ancora prima che il processo di delocalizzazione si avviasse, sono stati sollecitati dal management del Gruppo a trasferire la propria attività per poter continuare un rapporto di lavoro che altrimenti si sarebbe interrotto.
Si può dunque forse parlare, paradossalmente, di una ‘delocalizzazione dei distretti italiani’ all’estero?
Il problema appare di fondamentale importanza sotto diversi aspetti. In primo luogo, quante delle passate conoscenze e capacità del distretto di Treviso, del territorio, sono andate perse? O sono venute anch’esse trasferendosi? Sarebbe possibile, attualmente, la nascita di una realtà come quella di Benetton che, insieme ad altre cause, traeva comunque alimento anche dalle culture e conoscenze locali, dal know how del cluster e dai knowledge spillover propri del territorio?
Infine, appare innegabile, da un lato, la perdita di posti di lavoro nel Belpaese in conseguenza della delocalizzazione delle imprese. Resta da vedere, in ultimo, se questo elemento sia da considerarsi esclusivamente negativo; si potrebbe, infatti, anche pensare la delocalizzazione e l’internazionalizzazione semplicemente come le sole strategie possibili per mantenere posizioni di leadership e di vantaggio competitivo nei mercati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4INTRODUZIONE Nel primo capitolo il processo di internazionalizzazione sarà analizzato nelle diverse modalità in cui viene ad attuarsi e sulla base delle diverse definizioni di internazionalizzazione che sono state proposte dalla letteratura economica nel corso del tempo. Infatti, il concetto di internazionalizzazione appare estremamente ampio è permette differenti interpretazioni; l’espansione oltre i confini nazionali si verifica, dunque, mediante differenti modalità, in funzione delle dimensioni e delle potenzialità delle imprese, nonché in relazione a diversi fattori in grado di influire sulla competitività delle imprese sui mercati internazionali, quali il mercato di appartenenza, le regolamentazioni, le normative e i servizi offerti alle aziende nei mercati in cui queste vogliono operare. L’internazionalizzazione può essere interpretata come una fase dello sviluppo aziendale internazionale, durante il quale l’azienda s’impegna sempre di più ed è sempre più coinvolta in operazioni internazionali, mediante un prodotto specifico in un mercato prescelto; può essere vista come il processo graduale attraverso il quale un’azienda si espande trasferendo le sue capacità all’estero, procedendo inizialmente con esportazioni sporadiche, in seguito aumentando le relazioni con i partner stranieri e, infine, andando ad investire direttamente all’estero.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

benetton
caso pratico
delocalizzazione
distretti industriali
dunning
globalizzazione
hymer
ide
internazionalizzazione
investimenti diretti esteri
organizazzione produttiva
paradigma eclettico
strategie di internazionalizzazione
tecnologia dei cicli produttivi
teorie internazionalizzazione
tunisia
vernon

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi