Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La seconda guerra mondiale in Argentina nella visione della politica estera americana

Un'analisi dei rapporti tra il paese sudamericano e l'Europa degli anni '30, alla luce dei pregressi rapporti di forte emigrazione che avevano caratterizzato il paese latino e che veniva a costituire per questo un papabile alleato dei regimi Nazista e Fascista.
Si affronta una disamina dei raporti intercorsi tra Argentina e Italia, Spagna e Germania, mediati principalmente attraverso i servizi di spionaggio dei relativi paesi, alla luce di quanto riportato nei documenti della diplomazia americana (FRUS, foreign relations af the United States) e dell'OSS, il servizio di spionaggio che precedette la CIA.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE 1.1. La situazione politico-economica dell Argentina negli anni precedenti la guerra. I circoli intellettuali e politici di inizio Novecento avevano reso la citt di Buenos Aires un vivace centro cosmopolita; tale sviluppo era stato favorito dai frequenti commerci determinati dai capitali inglesi e da un immigrazione prevalentemente italiana e tedesca. Il dogma dei governi liberali della seconda met de ll Ottocento era stato, infatti, quello di favorire una massiccia immigrazione per popolare aree qualificate come deserto , favorendo in particolar modo l immigrazi one centro-nord europea poichØ si vedeva nel protestantesimo una maggiore attitudine verso lo sviluppo di istituzioni democratiche rispetto alla tradizione cattolica1. Tale politica si sarebbe rivelata fruttuosa, portando a compimento negli anni ottanta dell Ottocento il consolidamento di un modello economico fondato sull esportazione massiccia di prodotti agricoli nei mercati internazionali. E in questi anni di boom economico, coincidenti a lla lunga e strisciante depressione che affanna l economia agricola in Europa, che si afferma nella sua forma definitiva in Argentina quel sentimento nazionale -o meglio nazionalista- sull onda di un positivismo evoluzionistico che s corge un futuro radioso per il proprio paese dietro l orizzonte 2. Ad un decennio dalla stretta europea sui dazi agricoli s intuivano i primi segni di crisi del modello agro-esportatore. I fermenti politici si moltiplicavano e 1BARBE C., Elites politiche argentine:caratteristiche, composizione, progetti, influenze italiane, pg. 79, in Studi e ricerche sulla classe politica in Italia, Messico e Argentina, a cura di FIOROT D., Padova, 1991. 2 GARCIA M.A., Argentina:dall indipendenza al peronismo d oggi , op. cit., pg.90, Milano, 1975. Fig.2-3 Fig.4-5 Fig.6

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Davide Cadore Contatta »

Composta da 67 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1415 click dal 26/08/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.