Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi del database geografico del Comune di San Giuseppe Vesuviano per la redazione della carta delle criticità geologico ambientali

In questa tesi si pone un esempio della grande potenzialità che esprimono i sistemi G.I.S. (Geografical Information System), per il controllo e la gestione del territorio. In particolare il lavoro si basa su di un’applicazione con cartografie digitali, dove a partire dall’analisi di alcuni strati informativi (cartografia del: Rischio frana; Rischio idraulico; Rischio sismico; Rischio vulcanico; Vulnerabilità degli acquiferi all’inquinamento delle falde) si arriva ad elaborare la carta delle criticità geologico ambientali.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La diffusione e la tendenza alla standardizzazione della tecnologia informatica hanno comportato la progressiva crescita della domanda e l’uso di dati geografici. L’aumento della disponibilità dei dati geografici attraverso Internet ha fatto compiere un passo in avanti alla divulgazione delle problematiche territoriali, cui oggigiorno si fa sempre più attenzione. Oggi il cittadino è, infatti, maggiormente consapevole e ha la possibilità di avvalersi di strumenti più efficaci per spiegare i fenomeni che lo coinvolgono. La Geologia ambientale è strettamente associata alla pianificazione del territorio e all’uso del suolo, temi che diventano sempre più importanti con una popolazione mondiale in continua espansione (BELL, 2001). L’obiettivo della presente tesi, è la creazione di una carta che sintetizzi le condizioni di criticità geo-ambientali del comune di San Giuseppe Vesuviano, dall’analisi del database geografico. La produzione d’informazione in generale e, nel caso in studio di quella a carattere geografico, ha dei costi di produzione elevati. Quindi la possibilità di condividere e di utilizzare archivi prodotti da terzi, costituisce la soluzione più immediata e naturale per ridurre i costi di produzione dei dati geografici. La scelta della fonte dalla quale prelevare i dati dipende dalle diverse esigenze degli utenti. Oggi sono disponibili basi di dati che coprono uno spettro vastissimo d’applicazioni possibili. La prima fase di qualsiasi lavoro sulle problematiche territoriali consiste proprio nella conoscenza di ciò che è già stato acquisito e

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Marcello Macrì Contatta »

Composta da 67 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1012 click dal 31/08/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.