Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progettazione di pompe dosatrici ad ingranaggi per filatura di fibre artificiali

La tesi esamina la modellazione matematica del comportamento di pompe dosatrici ad ingranaggi, che lavorano a valle di un estrusore in impianti tessili, in funzione dei seguenti parametri:
• Temperatura di lavoro, 270°-300° (Tmax = 500°);
• Viscosità del polimero;
• Contropressione (circa 30 MPa);
• Giochi meccanici;
• Numero di giri (da 10 giri/min a 35).

L’obbiettivo è valutare la potenza necessaria e la coppia, tenendo conto di un accurato dimensionamento di tutti i componenti della pompa.
La pompa ad ingranaggi oggetto di studio, è essenzialmente costituita da due o più ruote dentate ingrananti tra loro e ruotanti in due alveoli della stessa grandezza del cerchio di testa della ruota, in modo che tra le pareti dell’alveolo e l’estremità dei denti, tra lo spessore della ruota dentata e lo spessore della piastra nella quale ha sede la ruota, vi siano giochi molto contenuti, affinché vi sia un ottimo rendimento volumetrico.

Mostra/Nascondi contenuto.
5Progettazione di pompe dosatrici ad ingranaggi per filatura di fibre artificiali 1. INTRODUZIONE La tesi esamina la modellazione matematica del comportamento di pompe dosatrici ad ingranaggi, che lavorano a valle di un estrusore in impianti tessili, in funzione dei seguenti parametri: x Temperatura di lavoro, 270°-300° (T max = 500°); x Viscosità del polimero; x Contropressione (circa 30 MPa); x Giochi meccanici; x Numero di giri (da 10 giri/min a 35). L’obbiettivo è valutare la potenza necessaria e la coppia, tenendo conto di un accurato dimensionamento di tutti i componenti della pompa. La pompa ad ingranaggi oggetto di studio (figure 1.1 e 1.2), è essenzialmente costituita da due o più ruote dentate ingrananti tra loro e ruotanti in due alveoli della stessa grandezza del cerchio di testa della ruota, in modo che tra le pareti dell’alveolo e l’estremità dei denti, tra lo spessore della ruota dentata e lo spessore della piastra nella quale ha sede la ruota, vi siano giochi molto contenuti, affinché vi sia un ottimo rendimento volumetrico. Figura 1.1: vista frontale (attacco albero motore). Figura 1.2: vista posteriore.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Simone Bistolfi Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1851 click dal 26/08/2009.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.