Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Democrazia, scienza, fede. Riflessioni su Jürgen Habermas

Nella trattazione che segue si è voluto evidenziare come i concetti fondamentali di democrazia, scienza, e fede siano caratterizzati ed analizzati da Jürgen Habermas.
Nella prima parte si è indicata l’evoluzione dell’impostazione filosofica del pensatore tedesco, attraverso la suddivisione in fasi suggerite dalla critica prevalente ; in particolare, si sono individuati quattro momenti, corrispondenti ad altrettanti periodi di evoluzione del pensiero di Habermas, caratterizzando il periodo giovanile con l’accostamento ai cosiddetti “marxisti occidentali” e quello della maturità con la definizione della teoria dell’agire comunicativo e il dibattito sul modernità.
Nella seconda parte si è indagato sul rapporto tra modernità e secolarizzazione, rintracciando le origini di tali fenomeni e definendo gli stessi in termini sociali anche attraverso il concetto di “senso comune”.
Nella terza parte si è affrontato il problema della individuazione dei fondamenti pre-politici dello Stato democratico, mettendo a confronto Habermas con altri pensatori, tra cui Kant e Rawls ed evidenziando fra l’altro, il ruolo dei cittadini e della società civile, il ruolo della Chiesa e della religione, nonché le caratteristiche del confronto fra laici e credenti. Si è inoltre trattato il problema della modernità, discutendo sul ruolo della filosofia e della teologia, sulla problematicità dell’uso pubblico della ragione e dei limiti posti dal naturalismo e dallo scientismo.
Infine si è analizzato il confine fra scienza e fede in Habermas, attraverso il confronto con Kant e con alcuni pensatori moderni che hanno affrontato tale tematica, fino all’evidenziazione delle correnti di pensiero più attuali.

Mostra/Nascondi contenuto.
Democrazia, scienza, fede. Riflessioni su Jürgen Habermas 7 Introduzione Nella trattazione che segue si è voluto evidenziare come i concetti fondamentali di democrazia, scienza, e fede siano caratterizzati ed analizzati da Jürgen Habermas. Nella prima parte si è indicata l’evoluzione dell’impostazione filosofica del pensatore tedesco, attraverso la suddivisione in fasi suggerite dalla critica prevalente1; in particolare, si sono individuati quattro momenti, corrispondenti ad altrettanti periodi di evoluzione del pensiero di Habermas, caratterizzando il periodo giovanile con l’accostamento ai cosiddetti “marxisti occidentali” e quello della maturità con la definizione della teoria dell’agire comunicativo e il dibattito sul modernità. Nella seconda parte si è indagato sul rapporto tra modernità e secolarizzazione, rintracciando le origini di tali fenomeni e definendo gli stessi in termini sociali anche attraverso il concetto di “senso comune”. Nella terza parte si è affrontato il problema della individuazione dei fondamenti pre- politici dello Stato democratico, mettendo a confronto Habermas con altri pensatori, tra cui Kant e Rawls ed evidenziando fra l’altro, il ruolo dei cittadini e della società civile, il ruolo della Chiesa e della religione, nonché le caratteristiche del confronto fra laici e credenti. Si è inoltre trattato il problema della modernità, discutendo sul ruolo della filosofia e della teologia, sulla problematicità dell’uso pubblico della ragione e dei limiti posti dal naturalismo e dallo scientismo. Infine si è analizzato il confine fra scienza e fede in Habermas, attraverso il confronto con Kant e con alcuni pensatori moderni che hanno affrontato tale tematica, fino all’evidenziazione delle correnti di pensiero più attuali. 1 Si vedano i testi nella Bibliografia.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Raffaele Cianfarani Contatta »

Composta da 65 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2563 click dal 01/09/2009.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.