Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nuove frontiere nella formazione in ambito cardiologico

Grado di soddisfazione/insoddisfazione del personale dell’U.O. Cardiologia rispetto all’offerta formativa aziendale, rilevare la richesta di formazione continua e analizzare la possibilità di utilizzare la F.A.D. come risorsa formativa. Utilizzo del Progetto Trio nell'ambito della formazione infermieristica

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione La realtà organizzativa e lavorativa all’interno delle strutture sanitarie è in continua evoluzione. La maggiore complessità degli interventi assistenziali e la sempre maggiore consapevolezza del cittadino/utente rispetto ai suoi diritti, ha provocato un profondo mutamento nell’attività infermieristica e nelle responsabilità degli operatori. La formazione costituisce il cardine fondamentale nell’ottica del miglioramento delle prestazioni sanitarie. Per le competenze e le attribuzioni tipiche degli infermieri, la necessità di formazione continua è molto sentita: il bisogno di un idoneo programma di formazione continua volto a migliorare ed aumentare le competenze tecnico-scientifiche in ambito cardiologico viene percepito come insoddisfatto dal personale dell’U.O. Cardiologia. Questo costituisce sicuramente motivo di insoddisfazione e di insicurezza nel personale infermieristico. E’ innegabile che le conseguenze di ogni atto sanitario posto in essere hanno ripercussioni dirette sull’integrità psico-fisica dell’utente e producono automaticamente responsabilità dirette per l’operatore. L’introduzione di un numero sensibile di personale neo- assunto, alla prima esperienza lavorativa o sprovvisto di esperienza specifica nell’ambito cardiologico, e contestualmente il pensionamento di personale con esperienza pluriennale, costituisce forte motivo di stress e di tensioni nell’ambiente lavorativo. Proprio per questo, si è verificata l’anomala situazione per cui ad essere considerato “esperto” è personale turnista con pochi anni di esperienza di reparto (da 3 a 6 anni). E’ evidente che il bisogno di formazione specifica è elevato: sebbene il possesso del Diploma di Laurea Infermieristica attribuisca al professionista conoscenze di contenuti generali, la specificità di alcuni ambiti lavorativi ospedalieri (ad esempio la terapia intensiva coronarica, detta UTIC, o specialità come la Cardiologia), richiede la conoscenza di attrezzature, macchinari e, non ultimo, competenze specifiche (ad esempio, la conoscenza dell’elettrocardiografia, seppur a livelli di base) che rende la

Tesi di Master

Autore: Paola Gianni Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1475 click dal 01/09/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.