Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Institution Building e Welfare State in Albania

La firma dell’ Accordo di Associazione Stabilizzazione con l’Unione Europea, il 12 giugno 2006, segna per Albania un importante traguardo e il segno di un processo di transizione giunto ormai verso la fine. La lunga transizione post-comunista è stata caratterizzata dalla fragilità dello Stato e delle sue Istituzioni ad affrontare la trasformazione del sistema politico, economico e sociale.
Il processo di democratizzazione nei paesi post-comunisti durante gli ultimi due decenni a cavallo fra XX e XIX secolo ha coinvolto in maniera complessiva il rapporto fra società e politica, dal processo di costruzione dello stato alla identità nazionale, dal processo di centralizzazione al processo di decentramento. Inoltre, il passaggio dall’economia centralizzata all’economia di mercato ha portato alla nascita di nuovi problemi di natura sociale sconosciuti in Albania durante il regime enverista. I conflitti sociali emersi durante gli anni novanta e in maniera traumatica nella crisi dello stato nel 1997 da un lato ha cancellato la percezione da parte degli albanesi che il processo di consolidamento democratico e l’inclusione nelle organizzazioni internazionali ed europee sarebbero stati veloci come promesso dai governi democratici e, dall’altro lato, ha modificato l’attenzione delle istituzioni internazionali verso il piccolo Paese delle aquile ponendo l’accento sull’ Institution Building.
Infatti, la mancanza di impreparazione dei policy makers e il loro cambiamento continuo secondo spoil system radicale imposta dai partiti al governo di volta in volta ha reso difficile il processo di institutional building nel corso degli anni novanta.
Il primo obbiettivo di questo lavoro è stato quello di analizzare gli aspetti centrali del faticoso processo di consolidamento democratico albanese caratterizzato dalla lunga transizione politica economica e sociale,
1
basandosi soprattutto sulla letteratura albanese, cercando al contempo di rispondere domande quali: “Come gli studiosi albanesi hanno analizzato/presentato la transizione albanese? Cosa ha comportato il passaggio dall’ economia centralizzata all’economia di mercato? Come è cambiata la situazione sociale durante la transizione?”.
Il secondo obbiettivo della tesi è stata quello di analizzare la trasformazione dello sviluppo del welfare in Albania e delle istituzioni preposte alle politiche sociali durante il passaggio dal socialismo verso la democrazia liberale.
Questa tesi è infine il frutto di una ricerca effettuata sul posto che mi ha permesso di utilizzare documenti originali raccolti in varie sedi in Albania per la quale ho cercato, per quanto possibile, di mantenere un approccio interdisciplinare.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La firma dell’Accordo di Associazione Stabilizzazione con l’Unione Europea, il 12 giugno 2006, segna per Albania un importante traguardo e il segno di un processo di transizione giunto ormai verso la fine. La lunga transizione post-comunista è stata caratterizzata dalla fragilità dello Stato e delle sue Istituzioni ad affrontare la trasformazione del sistema politico, economico e sociale. Il processo di democratizzazione nei paesi post-comunisti durante gli ultimi due decenni a cavallo fra XX e XIX secolo ha coinvolto in maniera complessiva il rapporto fra società e politica, dal processo di costruzione dello stato alla identità nazionale, dal processo di centralizzazione al processo di decentramento. Inoltre, il passaggio dall’economia centralizzata all’economia di mercato ha portato alla nascita di nuovi problemi di natura sociale sconosciuti in Albania durante il regime enverista. I conflitti sociali emersi durante gli anni novanta e in maniera traumatica nella crisi dello stato nel 1997 da un lato ha cancellato la percezione da parte degli albanesi che il processo di consolidamento democratico e l’inclusione nelle organizzazioni internazionali ed europee sarebbero stati veloci come promesso dai governi democratici e, dall’altro lato, ha modificato l’attenzione delle istituzioni internazionali verso il piccolo Paese delle aquile ponendo l’accento sull’ Institution Building. Infatti, la mancanza di impreparazione dei policy makers e il loro cambiamento continuo secondo spoil system radicale imposta dai partiti al governo di volta in volta ha reso difficile il processo di institutional building nel corso degli anni novanta. Il primo obbiettivo di questo lavoro è stato quello di analizzare gli aspetti centrali del faticoso processo di consolidamento democratico albanese caratterizzato dalla lunga transizione politica economica e sociale, 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Ermelinda Zaimi Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2057 click dal 27/08/2009.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.