Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Antenne planari Ultra Wide Band

Progetto di antenne Ultra Wide Band. Tecniche per incrementare direttività e guadagno di antenne Ultra Wide Band. Progetto e caratterizzazione numerica di un'antenna UWB single-ended ad elevato guadagno, con alimentazione a microstriscia 50 Ohm e piano di massa strutturato (6-8 GHz)
Progetto e caratterizzazione numerica di un'antenna compatta (80x80mm) planare differenziale Ultra Wide Band ad elevato guadagno e direttività (13 dB), con alimentazione a microstriscia 50 Ohm e piano di massa strutturato. Studio dell' effetto array di più antenne planari compatte Ultra Wide Band.
Risultati sperimentali in accordo con la caratterizzazione ottenuta tramite CST Microwave Studio.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Negli ultimi anni si e` assistito ad uno sviluppo sempre piu` crescente delle applicazioni a radio frequenza: dalle comunicazioni wireless, ai radar ad elevata risoluzione, fino ai sistemi di posizionamento globale. La tecnologia radio Ultra Wide Band (UWB) sembra una scelta molto promettente, essendo caratterizzata al contempo da una banda molto elevata e da una ridotta densita` spettrale di potenza. L’acronimo UWB e` utilizzato per indicare un sistema caratterizzato dalla trasmissione di forme d’onda molto brevi, la cui durata varia tipicamente dalle centinaia di picosecondi a pochi nanosecondi. In parti- colare si parla di UWB se un segnale occupa una banda assoluta maggiore di 500 MHz oppure una banda relativa alla frequenza centrale maggiore del 25%. Nei sistemi a banda stretta, invece, si trasmette generalmente sfruttando una banda pari a meno del 10% della frequenza centrale e utilizzando livelli di potenza piu` elevati. Le caratteristiche tempo- rali e spettrali proprie dell’UWB, pertanto, la rendono una tecnologia adeguata sia per trasferimento di dati ad elevato bit-rate su brevi distanze, sia per misure del tempo di volo del segnale necessarie in sistemi di localizzazione. La breve durata temporale degli impulsi trasmessi permette inoltre un’elevata immunita` a fenomeni di multipath, mentre una potenza media trasmessa molto limitata, al di sotto del rumore di fondo, si traduce in una bassa interferenza con i sistemi a banda stretta che lavorano alla medesima frequen- za e modesti consumi energetici. L’attenzione della comunita` scientifica alle potenzialita` dell’UWB si e` manifestata principalmente a partire dal febbraio del 2004, quando l’ente statunitense Federal Communications Commission (FCC) ha assegnato la banda compre- sa tra 3.1 e 10.6 GHz senza la necessita` di licenza. Gia` a partire dal 2003 l’European Telecommunications Standard Institute (ETSI) ha proposto l’utilizzo dell’UWB ricalcan- do la normativa statunitense. Alla luce di tutte queste motivazioni, il dipartimento di 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Alessandro Corsi Contatta »

Composta da 90 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1038 click dal 01/09/2009.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.