Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Brasile in guerra: La Feb nella campagna d'Italia (1944-1945)

Storia della partecipazione di un contingente di 25.000 brasiliani impegnati tra il 1944 ed il 1945 alla campagna d'Italia. I brasiliani furono tra i liberatori di Bologna, Parma e sfilarono a Milano tra gli eserciti liberatori.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO PRIMO Il Brasile dalla pace alla guerra 1. La situazione politica del Brasile fino allo scoppio della seconda guerra mondiale. Il Brasile nel 1930 visse una Rivoluzione che port� al potere, con l'appoggio dei militari, il neo presidente GetulioVargas 1 . Il governo dittatoriale del "padre dei poveri", come spesso era definito Vargas, non fu subito ben accetto ma in breve riusc�, con varie riforme economiche, a creare nel paese una certa atmosfera di benessere. Il presidente realizz� un�ideologia di Stato, il nazionalismo populista, che ebbe grande ripercussione nella vita politica del Brasile. Nel 1934 fu promulgata una Costituzione di ispirazione fascista che trov� nei brasiliani una potente forza di seduzione e di penetrazione; il paese visse cos� lo scontro popolare tra i comunisti di Luiz Carlos Prestes 2 e i "populisti" di Getulio Vargas che si concluse nel 1935 con la fallita ribellione militare conosciuta come Intentona Comunista. Le carceri si riempirono di lavoratori, di militari e di intellettuali simpatizzanti per il Partito Comunista e Vargas trov� il pretesto di consolidare il potere personale eliminando tutti gli oppositori. Era libera la strada verso la creazione dell�Estado Novo 3 . Nel 1937, ricorrendo al pretesto di una nuova falsa cospirazione comunista, Vargas comp� l'atto finale del suo disegno dittatoriale e decret�, sempre con l'aiuto dei militari, l'abolizione della Costituzione del 1934 e decise che ne venisse preparata un'altra, ispirata a quella della Polonia, che all'epoca conosceva un governo fascista. Uno dei primi provvedimenti fu quello di creare il Dipartimento di Stampa e Propaganda, con funzioni simili a quelle del ministero della 1 Per la storia del paese sudamericano consultare: A.Trento: Le origini dello stato populista, societ� e politica in Brasile 1920-1945, Franco Angeli, Milano, 1986; M.Maestri: Storia del Brasile, Xenia Edizioni, Milano, 1990; P.Calmon: Historia do Brazil - Seculo XX, vol.VI, Livraria Jos� Olympio, Rio de Janeiro, 1959; M.Carmagnani: Storia dell'America Latina, La Nuova Italia, Firenze, 1979. 2 Prestes fu capo del PCB (Partito Comunista Brasiliano) dal 1923 al 1978. Partecip� alla "Rivolta dei Tenenti" nel 1924 e fu l'artefice dell'"Intentona Comunista" nel 1934. Incarcerato dal 1935 al 1945 fu esiliato nel 1947. Riparato in URSS rientr� in patria nel 1978 lasciando la carica del PCB. E' morto a Rio de Janeiro nel 1990. 3 La creazione dell'Estado Novo per il Brasile rappresent� il passaggio da uno stato regionalista, succube dei sistemi economici stranieri e profondamente arretrato, ad un regime autoritario, nazionalista, deciso ad una radicale modernizzazione e industrializzazione.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Andrea Giannasi Contatta »

Composta da 158 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4003 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.