Skip to content

Effetti economici dell'immigrazione: un confronto tra Canada ed Italia

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Di Mauro
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Globale e Governance
  Relatore: Marina Capparucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 224

L’Italia si è trasformata, nell’arco di un solo ventennio, in un paese ad elevata immigrazione: anche per questo, durante la recente campagna elettorale per le Elezioni Politiche 2008, hanno giocato un ruolo chiave alcuni aspetti centrali del fenomeno migratorio, come la regolamentazione dei flussi in ingresso, la permanenza e lo status degli immigrati. Le ragioni che sono state portate, di volta in volta, a favore di una restrizione o di un allargamento delle barriere in entrata sono state di carattere sociale, con special riguardo alle tematiche umanitarie, demografiche e di sicurezza. Gli effetti
economici dell’immigrazione sui residenti, tuttavia, sono stati indubbiamente poco centrali nello scontro politico recente e passato.
Abbiamo dunque rilevato la necessità di far emergere l’effetto economico dell’immigrazione sui residenti, partendo da alcune tematiche chiave: quale è l’impatto dei lavoratori stranieri sul mercato del lavoro? Quale l’effetto sulla previdenza e sul welfare? Gli immigrati sono un costo od un beneficio per la nostra società? Infine, le politiche attuate sono state coerenti con gli effetti economici dell’immigrazione?
Per il nostro scopo ci siamo serviti di due fondamentali linee guida: abbiamo posto in essere una rassegna dell’economia della migrazione, in modo tale da avere una visione più completa e generale del fenomeno sotto il profilo teorico; e abbiamo portato avanti uno studio - simile a quello prodotto per il caso italiano - sull’impatto economico dell’immigrazione e sulle relative policies attuate dal Canada. La ragione alla base di tale elaborazione è stata quella di constatare quanto il caso italiano fosse inquadrabile nella teoria economica prodotta sul tema della migrazione e quanto il nostro Paese ha carpito dall’esperienza di una nazione ad elevata immigrazione.
Il risultato al quale siamo giunti è che l’impatto economico degli immigrati sul paese ospite si traduce in un beneficio netto. Infatti, l’effetto sul mercato del lavoro raramente risulta avere carattere competitivo tra residenti e stranieri e, nel caso in cui si verifica, è largamente trascurabile. In Italia si rilevano, per alcune aree geografiche, persino dinamiche di complementarietà. Molto forte, nelle due esperienze prese in esame, è il contributo degli immigrati all’imprenditoria locale sia in termini di creazione di nuove imprese sia per quanto riguarda l’espansione di quelle esistenti. Inoltre, la teoria economica e le evidenze empiriche raccolte spiegano le ragioni del perché gli immigrati risultano essere, nei paesi avanzati, dei contribuenti netti.
Le conclusioni sono che le politiche migratorie italiane risultano essere non coerenti con tali evidenze. Abbiamo, infine, proposto diversi suggerimenti di modifica alle politiche migratorie, grazie alle indicazioni provenienti dalla teoria e dall’esperienza canadese, con il fine di affrontare in maniera efficiente il fenomeno globale della migrazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Molteplici sono i motivi che spingono gli individui a prendere la decisione di migrare 1 . Le cause possono essere di ordine esistenziale, culturale e materiale. Fra le ragioni più frequenti ricorre la fuga dal paese di origine per timori verso la propria incolumità, a causa di persecuzioni politiche. Numerosi sono anche i migranti che si spingono alla ricerca di un contesto sociale caratterizzato da una maggiore libertà di espressione e da migliori possibilità di crescita culturale ed economica, relativamente al proprio paese di origine. L’immigrazione è un fenomeno globale che solleva molte questioni di carattere sociale ed economico per i paesi coinvolti, poiché notevole è l’impatto che ha sulla vita dei residenti. Alcuni effetti sono immediati, altri hanno caratteristiche che si sviluppano nel lungo periodo. Nel recente dibattito politico italiano, proprio per questo, il tema dell’immigrazione è stato uno dei principali motivi di scontro tra gli schieramenti: nell’arco di un solo ventennio, infatti, l’Italia si è trasformata da un paese che registrava grandi flussi migratori in uscita in uno ad elevata immigrazione, stravolgendo radicalmente le istanze politiche e sociali in materia di migrazione. Anche durante la recente campagna elettorale per le Elezioni Politiche 2008, hanno avuto un ruolo centrale alcuni aspetti centrali del fenomeno, come quelli legati alla regolamentazione, al controllo dei flussi in ingresso e alla permanenza degli immigrati 2 , sebbene il Legislatore, a partire già dalla seconda metà degli anni ’80, abbia prodotto varie disposizioni atte a regolamentare le migrazioni in entrata. Le ragioni che sono state portate di 1 La migrazione, in ambito economico, può essere definita come il movimento del fattore lavoro da una regione all’altra. 2 Cfr. Paragrafo 3.3.2.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi