Skip to content

La riappropriazione del corpo. Una possibilità per il paziente terminale

Informazioni tesi

  Autore: Zaira Cestari
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Psicoterapia
Anno: 2009
Docente/Relatore: Ciro Conversano
Istituito da: CSP - Centro Studi Psicosomatica
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 37

L’esperienza soggettiva è un concetto presente ovunque, è sovraculturale, è rintracciabile nel pensiero di chiunque, dall’uomo introverso, teologico, mistico al più razionalista ed estroverso.
I vissuti possono essere confrontati, classificati, teorizzati, spiegati, ricondotti alle cause più svariate, e nonostante ciò non cessano di essere esperienze personali non esauribili con formule e linguaggi.
Se la cultura che ha portato alla moderna civiltà ha predisposto all’evoluzione della conoscenza razionale grazie a categorizzazioni e spiegazioni causalistiche, tra lo spiegabile scientifico e il vissuto rimane sempre uno spazio. Un vuoto? Oppure un campo libero per la creazione?
L’attenzione alla mancanza di continuità tra i dogmi della moderna scienza e la mia sensazione mi ha spinto, con coscienza gradualmente crescente, alla ricerca di senso verso una legittimazione dapprima individuale e poi sociale di ciò che è propria esperienza, attraverso la critica del metodo scientifico mondialmente riconosciuto che spiega riducendo a linearità la complessità dell’esistenza.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Prefazione L’esperienza soggettiva è un concetto presente ovunque, è sovraculturale, è rintracciabile nel pensiero di chiunque, dall’uomo introverso, teologico, mistico al più razionalista ed estroverso. I vissuti possono essere confrontati, classificati, teorizzati, spiegati, ricondotti alle cause più svariate, e nonostante ciò non cessano di essere esperienze personali non esauribili con formule e linguaggi. Se la cultura che ha portato alla moderna civiltà ha predisposto all’evoluzione della conoscenza razionale grazie a categorizzazioni e spiegazioni causalistiche, tra lo spiegabile scientifico e il vissuto rimane sempre uno spazio. Un vuoto? Oppure un campo libero per la creazione? L’attenzione alla mancanza di continuità tra i dogmi della moderna scienza e la mia sensazione mi ha spinto, con coscienza gradualmente crescente, alla ricerca di senso verso una legittimazione dapprima individuale e poi sociale di ciò che è propria esperienza, attraverso la critica del metodo scientifico mondialmente riconosciuto che spiega riducendo a linearità la complessità dell’esistenza. In particolare la mia attenzione si è spesso soffermata sui vissuti relativi al rapporto salute- malattia. Ai bambini fin da molto piccoli si insegna che bisogna mangiare questo e quello, ma non a tutti piace mangiare queste cose, se costretti si ribellano, con strategie comportamentali, come sputare un boccone e nasconderlo sotto il piatto, o con segnali del corpo, dal rigurgito all’allergia. Esiste quindi un margine tra ciò che fa bene nella maggior parte dei casi e ciò che è adatto all’individuo. E nella medicina? Sono noti gli effetti collaterali dei medicinali, eppure non è diffusa su larga scala l’attenzione ad un loro uso parsimonioso e strettamente necessario. Ho conosciuto famiglie, e parlo di casi in cui non sono presenti malati cronici, nelle cui casa è raro non trovare medicinali sulla mensola in stanza da bagno o sul piano da lavoro della cucina, segno di un loro uso momentaneo. Eppure fin da bambina rifiutavo di assumere di nuovo un medicinale che in precedenza sì mi aveva curato ma che mi aveva arrecato disagi ad un'altra parte del corpo. Da questa mancanza di confluenza tra le accreditate soluzioni mediche e le esigenze personali è sorta la voglia di cercare un comune pensiero, per sentirmi comunque parte di questo mondo, e quindi la forza per riscattare il vissuto personale e l’irrazionale dallo statuto di minus-valore. Ma la soluzione qual’è?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

approccio multilivello
caso clinico
corpo oggettivo-corpo soggettivo
cure palliative
dimensione trasformativa
embodyment
esperienza soggettiva
fenomenologia
leib
paziente oncologico
preghiera della gestalt
progettualità
psiconcologia
salute e malattia
senso e dolore
simbolismo
téchne
tecnicismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi