Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La televisione su rete IP

Il lavoro di tesi descrivere l’architettura di rete richiesta per fornire i contenuti televisivi abbinata all'accesso al Web ed al VOIP. Questi tre servizi condividono la stessa infrastruttura di rete. Internet è nato come sistema “best effort” che prevede l’assenza di qualsiasi meccanismo per garantire livelli adeguati di QoS. Tuttavia i contenuti sempre di più richiedono un elevato livello di qualità. IPTV va proprio verso questa direzione. La qualità del servizio si traduce poi in protezione e istradamento privilegiato dei pacchetti relativi ai servizi IPTV. Questa tesi si propone di descrivere la diffusione della Tv attraverso IP e come tale sviluppo influenza la tradizionale tv via etere. Tutta l'indagine è articolata intorno a quattro punti fondamentali:

1. Tecnologie e requisiti necessari per il supporto di IPTV.
2. Tecnologie e requisiti necessari per il supporto della Web Tv.
3. Come queste tecnologie si sono sviluppate all’estero e in Italia.
4. Quali sono i punti di forza o di debolezza di entrambe le tecnologie.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 INTRODUZIONE La trasmissione digitale costituisce una tappa di fondamentale importanza nello sviluppo tecnologico dei sistemi televisivi. Essa rappresenta il passaggio verso la convergenza di informatica e telecomunicazioni e consente di trasformare l’apparecchio televisivo in una piattaforma per lo sviluppo dei servizi interattivi. Milioni di utenti in tutto il mondo possono interagire con i programmi di intrattenimento, personalizzare il palinsesto, le modalità e i tempi di fruizione dei contenuti televisivi. La fruizione passiva sta tramontando per fare posto a un modello televisivo più evoluto, interattivo e bidirezionale. L’ampia diffusione di Internet combinata ai nuovi formati dei contenuti digitali e alla veloce diffusione dell’accesso a banda larga ha creato le basi per la diffusione della piattaforma Web Tv, una piattaforma digitale interattiva che utilizza Internet come mezzo di trasmissione per i contenuti digitali. Lo sviluppo di tale tecnologia si è avuto principalmente grazie all’evoluzione della rete Internet che ha ampliato sempre più il suo campo d’azione, sia dal punto di vista della copertura geografica, che dal punto di vista della qualità del servizio fornito in termini di efficienza, affidabilità e sicurezza delle informazioni scambiate. In quest’ottica si affermano due tendenze parallele: la tendenza ad ampliare la gamma di informazioni divulgate portando sulla rete contenuti multimediali come video e voce, e quella a facilitare e rendere maggiormente efficiente la distribuzione dei contenuti. Tale miglioramento delle tecnologie di rete ha reso possibile il passaggio da un ambiente di semplice divulgazione di contenuti testuali ad un pianeta complesso in cui è possibile anche acquistare contenuti video multimediali. L’avanzamento tecnologico ha prodotto inoltre un incremento della fiducia da parte degli utenti nei mezzi di comunicazione che utilizzano Internet. Tuttavia l’uso di Internet per la distribuzione di contenuti multimediali in forma digitale genera la necessità di proteggere tali contenuti dall’uso non autorizzato, dalla tendenza attuale, sempre più diffusa, di appropriarsi in modo illegale dei dati trasmessi. Questo ha come conseguenza la necessità di migliorare gli attuali meccanismi di protezione, come la crittografia ormai non sempre sufficienti. Questi fattori portano alla nascita di una nuova forma di TV, denominata IPTV (Internet Protocol Television), che utilizza la rete IP come mezzo di distribuzione dei contenuti. Nella IPTV sono presenti caratteristiche del tutto assenti alla Tv tradizionale. Tali caratteristiche sono essenzialmente quattro: il contatto diretto ed univoco tra operatore ed utente finale con la possibilità di fornire in streaming servizi personalizzati; la piena interattività dell’utente con il provider, per l’esistenza di un canale fisico di ritorno; la possibilità di memorizzare, fruire in forma ritardata e modificare i contenuti ricevuti; la totale tracciabilità delle scelte dell’utente senza bisogno di nessun Auditel. La TV over IP può essere un’alternativa alle emittenti nazionali per i nuovi servizi che l’emittente può offrire per fidelizzare i propri spettatori, per le modalità di gestione della pubblicità (spot mirati) e per lo sfruttamento dei contenuti memorizzati grazie all’on-demand. Le Majors cinematografiche possono così trovare un canale distributivo redditizio per contenuti molto vecchi o comunque di nicchia che difficilmente possono essere venduti tramite i canali tradizionali riservati a questi generi. Tuttavia IPTV propone un modello chiuso, dove il provider decide quali contenuti e in quali modalità debbano essere fruiti dagli utenti. L'utente al quale è rivolto il servizio IPTV è invece abituato a scegliere sul Web i contenuti di cui fruire e le stesse modalità di fruizione. L'interesse degli utenti è spinto principalmente dalla crescente disponibilità di contenuti gratuiti. La Web TV, offerta sia da servizi appositi quali YouTube, che da singoli siti più o meno grandi, surclassa l'IPTV in termini di quantità di contenuti e modalità di accesso.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Giuliano Santagata Contatta »

Composta da 244 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 907 click dal 01/09/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.