Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il diritto d'autore nella legislazione internazionale in ambito traduttivo

Normativa vigente sul Diritto d'Autore, tutela applicabile a testi tradotti e nuovi orizzonti prospettati dalle tecnologie di traduzione assistita ed automatica

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione La tutela legale dei lavori di traduzione cosi come la concepiamo oggi è destinata a modificarsi profondamente nel prossimo futuro. Nel corso dei decenni precedenti, gli organismi legislativi nazionali sono giunti a garantire alle traduzioni un grado di tutela estremamente avanzato ed esteso, considerando queste come opere letterarie a tutti gli effetti e riconoscendo loro una protezione analoga a quella accordata a qualsiasi tipo di testo creativo originale, tutelando l'opera da uno sfruttamento illegittimo e garantendo all'autore un insieme di diritti economici e morali in grado di favorire il suo operato, stimolando la sua creatività e riconoscendone l'importanza come mediatore linguistico-culturale e come autore nel senso più stretto del termine. Il diritto di decidere come e a chi rendere disponibile il proprio lavoro e di negoziare le condizioni economiche di tale sfruttamento, di associare il proprio nome all'opera alla pari dell'autore del testo originale, di cedere eventualmente i vantaggi derivanti dallo sfruttamento economico senza perdere il diritto alla paternità e all'integrità dell'opera costituiscono la base sulla quale si fonda la dignità di una professione antichissima ed attualissima al tempo stesso. Antica, perché fin dalla classicità il successo di un testo, sia esso letterario, scientifico o normativo, è fondato anche sulla possibilità di renderlo accessibile ad un pubblico vasto, non costretto dai rigidi confini linguistici dell'area nel quale esso era prodotto. Moderna, in quanto la società globalizzata ha conosciuto un progressivo abbattersi di barriere e confini, una cancellazione delle distanze geografiche, una riduzione dei tempi di trasmissione di qualsiasi messaggio ormai in grado di arrivare ovunque e di essere letto da chiunque in un mondo che ancora non ha conosciuto, e che probabilmente non conoscerà mai, un'unificazione linguistica completa. Se da un lato difatti l'importanza di utilizzare dei codici intelligibili alla maggior parte degli individui porta all'affermarsi di una lingua franca, che fin dai tempi del Latino di Roma è espressione della cultura dominante, ruolo ricoperto negli ultimi secoli dall'inglese dell'Impero Britannico prima e della potenza egemone statunitense ora, dall'altro lato la particolarità e il carattere delle culture locali espressione di diversità geografiche, sociali, politiche, etniche non ha portato e non porterà mai alla cancellazione di quelle lingue che di tali diversità costituiscono una delle espressioni principali. L'importanza di rendere immediatamente accessibile a chiunque qualsiasi messaggio diventa dunque centrale in una società globale fondata sulla comunicazione e sulla trasmissione di contenuti in tempo reale a livello planetario. Questo concetto si andava delineando già a partire dal primo dopoguerra, e l'avvento dei mezzi di comunicazione di massa non ha fatto che accelerarne la velocità di diffusione. Il ruolo giocato dalle persone in grado di rendere fruibili ad un pubblico linguisticamente eterogeneo questi contenuti ha di conseguenza conosciuto una rivalutazione,

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Paolo Mutri Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 726 click dal 01/09/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.