Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Stephen Crane e la guerra: spirito marziale e organizzazione industriale in The Red Badge of Courage

Stephen Crane e la guerra: spirito marziale e organizzazione industriale in The red badge of courage.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Stephen Crane è sempre stato considerato uno scrittore molto innovativo. Già i primi recensori avevano reagito enfaticamente alla pubblicazione dei suoi lavori, cogliendo la loro carica innovativa rispetto alle opere di letteratura popolare pubblicate in quegli anni. The Red Badge of Courage è un’opera molto ricca, su cui la critica dibatte da lungo tempo. Ad essere in discussione non è il valore del romanzo, che è unanimemente considerato un capolavoro della letteratura americana, ma il suo significato. Le discussioni critiche sono incentrate sull’appartenenza di Crane al movimento naturalista o realista, piuttosto che al nascente modernismo cui appartenevano i suoi amici Conrad e James. Questa discussione rischia però di impedire una corretta valutazione delle opere di Crane allontanandole dal contesto storico in cui furono concepite e cui sono fortemente legate. Crane era un giornalista oltre che un romanziere e nelle sue opere principali ha affrontato i più significativi problemi sociali del suo tempo, occupandosi delle condizioni di vita nei ghetti delle metropoli in Maggie e della guerra in The Red Badge of Courage. Eppure sono pochi i critici che hanno tentato di interpretare questi romanzi tenendo conto del loro significato storico e sociale oltre che letterario. Molti si sono impegnati nella ricerca delle fonti cui Crane attinse e nella ricostruzione del contesto letterario da cui i romanzi sono emersi, e hanno sottolineato come nelle sue opere egli abbia cercato di differenziarsi dagli autori che si occupavano degli stessi argomenti. Eric Solomon ha elaborato un’interpretazione della produzione letteraria di Crane basata su questi presupposti. Nel suo Stephen Crane: from Parody to

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Filippo Brambilla Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1454 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:
×