Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un linguaggio visuale di interrogazione

La necessità di realizzare interrogazioni sui dati (query) è sentita in diversi ambiti, a partire da quello aziendale a finire a quello della didattica. Per rispondere a tale necessità sono stati proposti numerosi linguaggi di manipolazione e interrogazione dei dati, sia dichiarativi che procedurali. Uno dei linguaggi più utilizzati allo scopo è SQL (Structured Query Language). Oltre a SQL sono stati proposti altri linguaggi di interrogazione che hanno trovato larga diffusione nel mondo universitario, come Datalog.
I linguaggi su elencati hanno una caratteristica comune, non hanno una sintassi che si presta ad essere facilmente resa attraverso un formalismo grafico, cioè sono linguaggi strettamente testuali. Questo implica che, per poter fare interrogazioni, è necessario scrivere le query in formato testuale, e anche se questo non crea nessun problema per gli utenti esperti, ormai abituati al loro utilizzo, per gli utenti meno esperti questo rappresenta un ostacolo. Ovviamente, utenti inesperti potrebbero studiare la sintassi, però questo può richiedere molto tempo. Per far fronte a questo esistono alcuni strumenti di interrogazione grafica nati per agevolare la composizione di query, tuttavia tali strumenti non risultano essere molto intuitivi.
In questo lavoro di tesi si descriverà una nuova soluzione al problema: un linguaggio di interrogazione grafico ed intuitivo. In particolare, si tratta di un linguaggio concepito per agevolare sia gli utenti esperti, che utilizzandolo riusciranno a comporre e gestire più rapidamente interrogazioni complesse, sia gli utenti inesperti che usufruiranno di una soluzione grafica intuitiva e che suggerisce loro come procedere nella costruzione di query.
Inoltre, in questa tesi sarà descritta la progettazione e l’ implementazione di una interfaccia grafica che implementa tale linguaggio grafico.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 3 INTRODUZIONE La necessità di realizzare interrogazioni sui dati è sentita in diversi ambiti, a partire da quello aziendale a finire a quello della didattica. Per rispondere a tale necessità sono stati proposti numerosi linguaggi di manipolazione e interrogazione dei dati, sia dichiarativi che procedurali. Uno dei linguaggi più utilizzati allo scopo è SQL (Structured Query Language), un linguaggio di manipolazione dati e di interrogazione su database relazionali ormai standard di settore. Oltre a SQL sono stati proposti altri linguaggi di interrogazione che hanno trovato larga diffusione nel mondo universitario, come Datalog. Recentemente, con l’avvento e la diffusione di altri formalismi per la rappresentazione e la memorizzazione delle informazioni, come XML o le ontologie si sente ancor più la necessità di avere linguaggi di interrogazione potenti. Informalmente, con potenza del linguaggio intendiamo la capacità di esprimere interrogazioni (query in inglese) molto complesse. I linguaggi su elencati hanno la una caratteristica comune, non hanno una sintassi che si presta ad essere facilmente resa attraverso un formalismo grafico, cioè sono linguaggi strettamente testuali. Questo implica che, per poter fare interrogazioni, è necessario scrivere le query in formato testuale, e anche se questo non crea nessun problema per gli utenti esperti, ormai abituati al loro utilizzo, per gli utenti meno esperti questo rappresenta un ostacolo. Ovviamente, utenti inesperti potrebbero studiare la sintassi, però questo può richiedere molto tempo. Per far fronte a questo esistono alcuni strumenti di interrogazione grafica nati per agevolare la composizione di query, tuttavia tali strumenti non risultano essere molto intuitivi. In questo lavoro di tesi si descriverà una nuova soluzione al problema: un linguaggio di interrogazione grafico ed intuitivo. In particolare, si tratta di un linguaggio concepito per agevolare sia gli utenti esperti, che utilizzandolo riusciranno a comporre e gestire più rapidamente interrogazioni complesse, sia gli utenti inesperti che usufruiranno di una soluzione grafica intuitiva e che suggerisce loro come procedere nella costruzione di query. Inoltre, in questa tesi sarà descritta la progettazione e l’ implementazione di una interfaccia grafica che implementa tale linguaggio grafico. Questo lavoro di tesi è strutturato nel seguente modo:

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Kristian Reale Contatta »

Composta da 167 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 618 click dal 02/09/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.