Skip to content

Politiche di finanziamento dell'Unione Europea alle piccole e medie imprese (Pmi)

Informazioni tesi

  Autore: Giampiero Zito
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli studi di Napoli "Parthenope"
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia del Commercio Internaz. e dei Mercati Valutari
  Relatore: Giuseppe Guglielmo Santorsola
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 143

Ho deciso di approfondire quest’argomento alla luce dell’importanza che questo segmento d’impresa riveste nell’economia Europea e soprattutto Italiana. Proprio per questi motivi ho analizzato e cercato di capire, e spiegare, le politiche di finanziamento dell’UE verso quelle che la stessa ha definito “il motore dell’economia europea!” Innanzitutto nel I Capitolo ho cercato di delineare un profilo del segmento Piccola e Media Impresa(in breve PMI), attraverso una precisa definizione dello stesso, e in seguito, approfondito i fattori di successo(in periodo di globalizzazione) e di contro le problematiche strutturali -soprattutto finanziarie- che lo caratterizzano. Nel II Capitolo,invece, si passa ad illustrare, attraverso fonti ufficiali,le numerose opportunità che la Comunità offre agli Stati membri -Finanziamenti diretti e indiretti- per agevolare e cercare di imprimere uno sviluppo alle PMI. Ci sarà inoltre una breve parentesi sui risvolti pratici per le stesse nella Regione Campania(la mia terra!) attraverso una comparazione di dati e risultati che ci danno un’idea di come possa cambiare l’economia(reale) attraverso i fondi comunitari(2000-2006). Nel III Capitolo viene approfondito il rapporto banca-impresa(pmi) alla luce soprattutto dell’introduzione di un nuovo regolamento approvato dall’UE chiamato Basilea 2. S’inizia con l’evoluzione negli anni del suddetto rapporto in Italia; in seguito saranno definiti i nuovi ‘parametri’ che determinano la funzione di finanziamento da parte delle banche alle pmi e, infine, si analizzano le probabili implicazioni che quest’ultime riceveranno dal mutamento di questo regime e le prospettive future di rilancio al fine di non rimanere schiacciate dal peso delle nuove regole. Nel IV Capitolo,l’ultimo,concluderemo con una ‘finestra’ sulla crisi internazionale dei mercati,che stiamo vivendo in questo momento,e delle implicazioni di questa al credito d’impresa. Si analizzeranno alcune leggi introdotte dal governo Italiano al fine di evitare uno shock di credito - credit crunch – e alcune proposte avanzate in sede comunitaria e italiana,per cercare di capire la soluzione migliore in un periodo in cui sono crollate tutte le certezze in ambito economico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 2.4 I Fondi Strutturali L'Unione Europea è una delle aree economiche più ricche del mondo ma presenta forti disparità economiche e sociali tra i suoi 27 Stati membri e ancor più tra le 268 regioni che la compongono: una regione su quattro ha, infatti, un PIL (prodotto interno lordo) pro capite inferiore al 75% della media. La politica regionale dell'UE prevede quindi che una parte dei contributi degli Stati membri al bilancio comunitario sia devoluta alle regioni e ai ceti sociali più deboli per realizzare concretamente la solidarietà dell'Unione, favorendo la coesione economica e sociale e riducendo il divario di sviluppo fra le regioni. Adottando un approccio specifico, la politica regionale europea fornisce “valore aggiunto” alle azioni realizzate sul campo e contribuisce a finanziare progetti concreti a favore delle regioni, delle città e dei cittadini. In stretta collaborazione con gli Stati membri, la Commissione propone gli Orientamenti strategici comunitari in materia di coesione, fondamento della politica che le conferisce una dimensione strategica. Tali orientamenti garantiscono che gli Stati membri adattino la loro programmazione in funzione degli obiettivi prioritari dell‟Unione: promuovere l‟innovazione e l‟imprenditorialità, favorire la crescita dell‟economia basata sulla conoscenza e creare posti di lavoro più numerosi e qualitativamente migliori. I Fondi strutturali sono finalizzati a chiari obiettivi prioritari ai quali si affiancano delle iniziative comunitarie, volte a individuare soluzioni comuni a problematiche specifiche. I progetti di sviluppo finanziati attraverso i Fondi strutturali devono rispondere a precise esigenze previste dai regolamenti comunitari. Le Autorità Nazionali e Regionali competenti hanno il compito di gestirli e realizzarli. Per ogni intervento la partecipazione europea non copre interamente i costi, ma integra i contributi nazionali. Incrementare la crescita e l‟occupazione in tutte le regioni e città dell‟Unione europea: questo è

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi