Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

IFRS/IAS vs. US GAAP: riconciliazione e convergenza

Gli IAS/IFRS sono i principi contabili internazionali, utilizzati in circa 100 paesi e 7000 società solamente in Europa, gli US GAAP sono invece i principi contabili statunitensi, utilizzati appunto negli USA.
I principi contabili internazionali sono emessi dallo IASB, che è l’organismo di contabilità internazionale con sede a Londra e obiettivo quello appunto di emettere gli standard contabili ma anche migliorare e armonizzare e controllare il sistema contabile mondiale.
I principi contabili statunitensi invece sono emessi dal FASB, l’organismo di contabilità statunitense, che ha gli stessi compiti dello IASB ma a livello nazionale.
Per quanto riguarda la struttura, ogni IFRS è basato su un principio e sulla sua interpretazione, esistono infatti delle guide apposite di interpretazione, per quanto riguarda gli US GAAP, sono invece basati su regole più prescrittive e precise degli IFSR
Entrambi i sistemi presentano delle incompletezze in quanto, l’interpretazione degli IFRS potrebbe non essere uniforme e quindi potrebbe dar luogo a discordanze contabili mentre gli US GAAP, essendo molto specifici e prescrittivi, presentano innumerevoli eccezioni.
I due sistemi comunque, trattano numerosi argomenti di rilevazione contabile in maniera differente e, per questo motivo, è in atto un processo di convergenza tra i due standard contabili. La ratio del processo di convergenza è da ricercarsi nella trasparenza e nella comparabilità dei risultati contabili verso gli investitori.
Il processo, iniziato 20 anni fa, trova la sua prima formalizzazione nel Norwalk agreement o accordo di Norwalk, nel quale il FASB e lo IASB si riunirono e si impegnarono ad indirizzare i loro sforzi verso una compatibilità contabile dei due standard.
Nel 2005, in applicazione del regolamento 1606/2002 del Parlamento Europeo, tutte le società quotate in mercati europei sono tenute a redigere il loro bilancio in conformità agli IFRS, portando quindi questi ultimo a standard contabile riconosciuto internazionalmente.
Ancora nel 2006 il FASB e lo IASB si impegnano attraverso il MoU, a indirizzare il loro lavoro comune verso la realizzazione di un unico set di regole contabili internazionali, sia eliminando le differenze tra i due sistemi, sia creando dei nuovi principi che possano essere definiti di alta qualità, rispettando quindi la ratio della trasparenza contabile.
Nel 2007 la SEC, ovvero la commissione che regola i mercati americani, esenta le società estere (per estere intendiamo quelle possedute da più del 50% da cittadini non residenti negli USA), che redigono il bilancio in conformità agli IFRS come emessi dallo IASB dalla compilazione del prospetto di riconciliazione.
Il prospetto di riconciliazione è quel documento contabile che le società che utilizzano principi contabili diversi da quelli statunitensi, quindi dagli US GAAP, devono redigere per riportare i risultati non US GAAP a quelli US GAAP, le differenze nascono appunto dal diverso sistema di rilevazione contabile su alcune voci.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Al giorno d’oggi, nel quadro economico-finanziario, quando si sente parlare di Stati Uniti d’America sono due gli argomenti che saltano all’occhio immediatamente: - la crisi finanziaria nata dai mutui sub prime, - il processo di convergenza tra i principi contabili americani e internazionali, rispettivamente US GAAP e IFRS/IAS. Per quanto riguarda il primo risulta opportuno descrivere cosa sia successo, senza ovviamente la pretesa di essere esaustivi, questo perché ciò di cui si andrà a parlare successivamente, ha una ragione in più di esistenza nella consapevolezza di trovare delle soluzioni per evitare che si ripetano gli stessi errori in futuro. I mutui sub prime sono quei mutui che vengono erogati a soggetti che presentano una storia creditizia negativa e che quindi non possono accedere ai normali tassi d’interesse del mercato. Le condizioni che sono state loro offerte dalle banche erano dunque pericolose e presentavano un alto rischio di insolvenza ma, mentre in precedenza erano le banche stesse che si assumevano tutti i rischi concernenti i mutui che concedevano, negli ultimi anni si è ricorso in maniera massiccia a processi di cartolarizzazione (securitization) ovvero operazioni di finanza strutturata, volte a realizzare un processo attraverso il quale attività a liquidità differita, che producono flussi di cassa periodici, come crediti appunto, vengono convertite, da società veicolo costituite appositamente, in strumenti finanziari collocabili sul mercato (asset backed securities) 1 . In questo modo si trasferisce parte del rischio su chi investe in questi titoli; di conseguenza, se coloro che hanno sottoscritto i mutui risultano insolventi, gli investitori possessori 1 Normalmente abbreviati in ABS. 2

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marco Muru Contatta »

Composta da 86 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 18091 click dal 11/09/2009.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.