Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Trasformatori elettrici speciali a tre avvolgimenti

Tradizionalmente, i sistemi elettrici di energia sono stati in gran parte progettati ed eserciti per distribuire la potenza dai nodi esclusivamente generatori verso reti esclusivamente distributrici .
Oggi quantità crescenti di generatori sono connessi alla rete di distribuzione per cui la potenza può essere anche trasferita alla rete in modo distribuito . Si può verificare che un nodo della rete di distribuzione sia esclusivamente generatore ma anche in alcuni momenti generatore e in altri momenti utilizzatore.
La produzione di energia elettrica localmente distribuita pone alcune problematiche, tra cui quella che suggerisce di evitare che in uno stesso nodo si creano più interfacce con la rete di distribuzione .Aspetto interessante è quello che attiene alla possibilità di ridurre il numero dei trasformatori, ricorrendo eventualmente a costruzioni tecnologiche che, prima di divenire ad adozione diffusa, potrebbero essere definite speciali.
E' il caso di nodi della rete in cui si fornisce da parte dell' ente distributore energia a media tensione attraverso apposito trasformatore MT/ bt e da cui si preleva sempre a MT energia prodotta localmente attraverso altro trasformatore bt/ MT o anche MT/MT.
Questo assetto tradizionale (fig. 2) può trovare una alternativa realizzando trasformatori secondo una tipologia speciale, a tre avvolgimenti in maniera tale che, nei momenti in cui il consumo di energia supera la produzione locale, funzionino da avvolgimenti primari sia quello collegato alla rete MT di distribuzione pubblica sia quello collegato attraverso linee interne ai generatori locali (ad es. fotovoltaici o eolici) mentre, nei momenti in cui il consumo è inferiore all' energia prodotta localmente, l'avvolgimento collegato alla rete di distribuzione pubblica funzioni da secondario.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Tradizionalmente, i sistemi elettrici di energia sono stati in gran parte progettati ed eserciti per distribuire la potenza dai nodi esclusivamente generatori verso reti esclusivamente distributrici . Oggi quantità crescenti di generatori sono connessi alla rete di distribuzione per cui la potenza può essere anche trasferita alla rete in modo distribuito . Si può verificare che un nodo della rete di distribuzione sia esclusivamente generatore ma anche in alcuni momenti generatore e in altri momenti utilizzatore . Le due situazioni sono schematizzate in fig. 1 [1]. Fig . 1. Architettura presente e futura del sistema elettrico

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Maria Giuseppina Crivello Contatta »

Composta da 38 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4698 click dal 11/09/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.