Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

EmpowerMENTE: il potenziamento cognitivo, dalla teoria alla creazione di un percorso di training cognitivo

L’empowerment o potenziamento cognitivo è definito da Costa e Garmston (1999) "un insieme di strategie, un modo di pensare e lavorare che modella il pensiero e le capacità di soluzione dei problemi” .
Si tratta di esercizi di problem solving che migliorano le competenze funzionali nelle situazioni quotidiane.
E' un processo che parte dal singolo, ma è certamente favorito dall’ambiente e dalle stimolazioni che questo offre. Porta ad acquisire controllo, potere su più, se non tutti, i processi cognitivi.
La tesi analizza, per prima cosa, le funzioni cognitive con il loro sviluppo e decadimento, i principali approcci teorici che se ne sono occupati e i principi, psicologici e neurologici, su cui si fonda il potenziamento cognitivo.
In secondo luogo, vengono approfondite le tecniche di potenziamento cognitivo, delineandone l’evoluzione e i campi di applicazione e proponendo una breve rassegna di alcuni training.
Infine, dopo aver approfondito le funzioni cognitive di memoria, attenzione e orientamento spaziale, viene presentata la creazione di un percorso di training cognitivo che si propone di allenare queste tre abilità. Si tratta di un training on-line che, grazie alla visione di tre video, ognuno relativo ad una delle tre funzioni cognitive sopra citate, propone una serie di domande ed esercizi relativi, con lo scopo di testarne il livello e fornire dei semplici consigli.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione L’attenzione al benessere, negli ultimi anni, ha riscontrato un graduale aumento. Con il termine benessere non si vuole indicare né solo assenza di malessere, né semplicemente benessere fisico e comodità, ma si tratta di benessere soggettivo, inteso come soddisfazione nei confronti della propria vita, e psicologico, nel senso di funzionamento psicologico ottimale. Questi due aspetti del benessere passano, tra l’altro, anche dalle proprie abilità mentali e dalla padronanza che di esse si ha. Il cervello permette, infatti, una grande quantità di funzioni quali pensiero, linguaggio, memoria, percezione, attenzione, orientamento, ecc. Si tratta di capacità che rivestono un ruolo fondamentale nella vita quotidiana di ciascuno di noi, e che non sono date a priori e garantite per tutta la vita; esse si sviluppano a partire dall’infanzia e decrescono poi gradualmente, a partire dall’età adulta. Il buon funzionamento di queste capacità ha degli influssi sulla vita delle persone, e di conseguenza anche sul benessere. La mancanza di prestazioni mentali ottimali non caratterizza, infatti, solamente i casi di patologia, ma è un fenomeno che accompagna il naturale invecchiamento di ogni persona. Sono, infatti, gli anziani a risentire maggiormente del decadimento delle funzioni cognitive. Questo decadimento si può però contrastare, in particolare grazie alle tecniche di potenziamento cognitivo. Esse consistono in training atti a “migliorare le capacità individuali nell’elaborazione ed utilizzo delle informazioni per migliorare la vita quotidiana”. (Sohlberg, Mateer, 2001) Così come per il benessere, anche queste tecniche, negli ultimi anni, hanno trovato terreno fertile. L’obiettivo è qui di approfondire il tema, dando prima una base teorica, per poi esporre l’ideazione di un training di potenziamento cognitivo. Verranno, quindi, per prima cosa, indagate le funzioni cognitive con il loro sviluppo e decadimento, i principali approcci teorici che se ne sono occupati e i principi, psicologici e neurologici, su cui si fonda il potenziamento cognitivo. In secondo luogo, verranno approfondite le tecniche di potenziamento cognitivo, delineandone l’evoluzione e i campi di applicazione e proponendo una breve rassegna di alcuni training. Infine, dopo aver approfondito le funzioni cognitive di memoria, attenzione e orientamento spaziale, verrà presentata la creazione di un percorso di training cognitivo che si propone di allenare queste tre abilità. Si tratta di un training on-line che, grazie alla visione di tre video, ognuno relativo ad una delle tre funzioni cognitive sopra citate, propone una serie di domande ed esercizi relativi, con lo scopo di testarne il livello e fornire dei semplici consigli.

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Elisabetta Bassani Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5219 click dal 11/09/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.