Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Garcinia mangostana e Filipendula ulmaria: trattamento dell'acne volgare

L’acne vulgaris è una patologia della pelle caratterizzata da un processo infiammatorio del follicolo pilifero e delle ghiandole sebacee annesse, che esordisce alla pubertà e ha un picco d’incidenza fra i 14 e i 19 anni. La lesione elementare dell’acne è costituita dal comedone, una dilatazione dell’orifizio del follicolo contenente materiale brunastro o biancastro costituito da grassi, cheratina, melanina, peli e batteri. Questa patologia può aggravare dando alla formazione di papule, cisti e noduli localizzati nelle regioni seborroiche del viso, della parte superiore del tronco e delle braccia.
La causa scatenate dell’acne è l’idrolisi dei trigliceridi presenti nel follicolo con formazione di acidi grassi irritanti e comedogeni che, richiamando neutrofili, aggravano il danno epiteliale. Si produce così un focolaio infiammatorio il cui essudato forma la pustola. Importante è il contributo di ormoni androgeni e di batteri tra cui Propionibacterium acnes cui si attribuisce il ruolo principale.
Questo bacillo gram-positivo anaerobio è stato localizzato nelle ghiandole cutanee, ha la caratteristica di produrre fattori chemiotattici per i neutofili e rilasciare enzimi litici responsabili della rottura dell’ epitelio follicolare. In seguito al danno cellulare vengono rilasciati mediatori infiammatori che aggravano il danno stesso e portano alla formazione del così detto brufolo e dell’acne.
Le cure tradizionali si basano sulla somministrazione di ormoni e soprattutto sull’ impiego di antibiotici ad uso sistemico e topico.
L’impiego di questi farmaci non è privo di effetti collaterali come tossicità gastrointestinale, effetti foto-sensibilizzanti e resistenza batterica, fenomeno molto frequente che consiste nella capacità dei microrganismi di diventare insensibili all’azione degli antibiotici.
4
Negli anni recenti si è posta sempre maggiore attenzione ai rimedi suggeriti dalla cosiddetta “ medicina tradizionale” di diverse parti del mondo, basati su droghe vegetali e prodotti di origine naturale.
In questo elaborato sono stati presi in considerazione rimedi alternativi che siano in grado di inibire la crescita microbica e di stimolare le naturali difese della pelle. Piante medicinali come Garcinia mangostana e Filipendula ulmaria producono xantoni e acidi fenolici di cui sono stati sfruttati gli effetti anti-batterici, anti-infiammatori e stimolanti di peptidi antimicrobici; esse potrebbero venire efficacemente impiegate per risolvere questo tipo di patologia: l’ acne.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L’acne vulgaris è una patologia della pelle caratterizzata da un processo infiammatorio del follicolo pilifero e delle ghiandole sebacee annesse, che esordisce alla pubertà e ha un picco d’incidenza fra i 14 e i 19 anni. La lesione elementare dell’acne è costituita dal comedone, una dilatazione dell’orifizio del follicolo contenente materiale brunastro o biancastro costituito da grassi, cheratina, melanina, peli e batteri. Questa patologia può aggravare dando alla formazione di papule, cisti e noduli localizzati nelle regioni seborroiche del viso, della parte superiore del tronco e delle braccia. La causa scatenate dell’acne è l’idrolisi dei trigliceridi presenti nel follicolo con formazione di acidi grassi irritanti e comedogeni che, richiamando neutrofili, aggravano il danno epiteliale. Si produce così un focolaio infiammatorio il cui essudato forma la pustola. Importante è il contributo di ormoni androgeni e di batteri tra cui Propionibacterium acnes cui si attribuisce il ruolo principale. Questo bacillo gram-positivo anaerobio è stato localizzato nelle ghiandole cutanee, ha la caratteristica di produrre fattori chemiotattici per i neutofili e rilasciare enzimi litici responsabili della rottura dell’ epitelio follicolare. In seguito al danno cellulare vengono rilasciati mediatori infiammatori che aggravano il danno stesso e portano alla formazione del così detto brufolo e dell’acne. Le cure tradizionali si basano sulla somministrazione di ormoni e soprattutto sull’ impiego di antibiotici ad uso sistemico e topico. L’impiego di questi farmaci non è privo di effetti collaterali come tossicità gastrointestinale, effetti foto-sensibilizzanti e resistenza batterica, fenomeno molto frequente che consiste nella capacità dei microrganismi di diventare insensibili all’azione degli antibiotici.

Diploma di Laurea

Facoltà: Farmacia

Autore: Laura Moret Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2286 click dal 11/09/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.