Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Personalità di marca e personalità del consumatore: un contributo empirico

Introduzione

Il presente studio è stato condotto con l’obiettivo di verificare l’esistenza o meno di una congruenza tra Brand Personality del prodotto scelto e Consumer Personality, nonché il ruolo di questo fit nelle scelte di consumo e post-acquisto; basandosi sul presupposto che la ragione di ogni condotta va rintracciata, oltre che nelle caratteristiche dell’una e dell’altro, anche in ciò che di nuovo risulta dal loro incontro.
Ormai è chiaro che il significato dell’utilità non basta più a spiegare i fenomeni di consumo (Siri, 2001), ma sembra che anche l’immagine di marca, così come è stata costruita e sviluppata dall’azienda non sia in grado da sola di dar ragione a certe scelte d’acquisto. Studi infatti hanno dimostrato che anche la percezione della propria personalità influenzi la percezione del brand stesso (Lastovicka and Joachimsthaler 1988; Maeder et al. 2000), ma ancora non è chiaro in che modo e con quali conseguenze.
L’ipotesi su cui regge la ricerca è che gli individui condividano il processo di trasformazione dei significati sociali degli oggetti (Dittmar, 1992) e che quando scelgono un determinato brand, percepiranno la personalità di questo come la personalità da loro preferita, tale immagine sarà poi proiettata sul brand stesso (Phau, Lau, 2001; pag. 431); la personalità da loro preferita risulterà coerente con la propria per un “innata preferenze per le cose prevedibili, familiari, stabili e per ridurre l’incertezza” (Swann, Stein-Seroussi e Geisler, 1992; pag. 6), ovvero per una esigenza di Self-continuity, ovvero l’esigenza delle persone di mantenere un coerente senso di sé stessi (Kunda, 1999; ciatato in Ahearne, Bhattacharya, 2005).
Per verificare ciò si sono analizzati due gruppi di consumatori ben distinti, gli Harleysti e i Ducatisti, rispettivamente acquirenti delle moto Harley-Davidson e delle moto Ducati, la scelta di tale settore è in funzione delle caratteristiche del prodotto moto, bene che possiede alti contenuti simbolici ed emozionali e che quindi ci ha permesso di sottoporre a verifica tutte le nostre ipotesi, ovvero: maggiore è la congruenza tra Brand Personality percepita e Consumer Personality, e più il brand aiuterà ad esprimere i valori del consumatore (Self-Express Value), più questo risulterà attraente ai suoi occhi (Attractiviness Brand Personality), maggiore sarà l’identificazione del consumatore con il brand (Brand Identification) e più il consumatore effettuerà comportamenti che supportino il brand stesso (Brand Loyalty, Comportamento di riacquisto, Opinion Leadership e Passaparola positivo).
I risultati dell’indagine hanno confermato la rilevanza della maggior parte delle variabili osservate, individuando in queste, il ruolo di importanti fattori predittivi nelle scelte di acquisto e post-acquisto, accreditando quindi quel filone che sostiene che esista un’affinità tre Brand Personality del prodotto scelto e Personalità del consumatore (vedi Chang, Park, Choi, 2001, Kassarjian, 1971, e Sirgy, 1982 - questi ultimi due citati in AAker, 1999, pag. 45).
L’elaborato si struttura in due parti, la prima parte esamina la letteratura sull’argomento considerato, la Personalità umana (cap. 1); la Personalità di marca (cap.2); e la relazione Marca-Consumatore (cap. 3); in questo ultimo capitolo si analizzano uno ad uno i costrutti che hanno implementato il modello di ricerca, il ruolo della marca nell’esprimere i valori e la personalità del consumatore (par. 2 Self-Express Value), il processo d’identificazione del consumatore con il brand (par. 3 Brand Identification), e le dinamiche post-acquisto del consumatore ( par. 4 Brand Loyalty; par. 5 Word-of-Mouth).
La seconda parte descrive la ricerca svolta nel tentativo di esplorare da vicino il fenomeno, in cui si definiranno i caratteri della ricerca sperimentale condotta, descrivendo i brand oggetto d’indagine (cap. 4 Case Histories), gli obiettivi della ricerca (cap. 5.1), la metodologia (cap. 5.2), i partecipanti (cap. 5.3), gli strumenti e le procedure d’analisi (cap. 5.4), infine seguirà la presentazione dei risultati (cap. 6.1) e una loro descrizione e interpretazione (cap. 6.2).

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Il presente studio è stato condotto con l’obiettivo di verificare l’esistenza o meno di una congruenza tra Brand Personality del prodotto scelto e Consumer Personality, nonché il ruolo di questo fit nelle scelte di consumo e post-acquisto; basandosi sul presupposto che la ragione di ogni condotta va rintracciata, oltre che nelle caratteristiche dell’una e dell’altro, anche in ciò che di nuovo risulta dal loro incontro. Ormai è chiaro che il significato dell’utilità non basta più a spiegare i fenomeni di consumo (Siri, 2001), ma sembra che anche l’immagine di marca, così come è stata costruita e sviluppata dall’azienda non sia in grado da sola di dar ragione a certe scelte d’acquisto. Studi infatti hanno dimostrato che anche la percezione della propria personalità influenzi la percezione del brand stesso (Lastovicka and Joachimsthaler 1988; Maeder et al. 2000), ma ancora non è chiaro in che modo e con quali conseguenze. L’ipotesi su cui regge la ricerca è che gli individui condividano il processo di trasformazione dei significati sociali degli oggetti (Dittmar, 1992) e che quando scelgono un determinato brand, percepiranno la personalità di questo come la personalità da loro preferita, tale immagine sarà poi proiettata sul brand stesso (Phau, Lau, 2001; pag. 431); la personalità da loro preferita risulterà coerente con la propria per un “innata preferenze per le cose prevedibili, familiari, stabili e per ridurre l’incertezza” (Swann, Stein-Seroussi e Geisler, 1992; pag. 6), ovvero per una esigenza di Self-continuity, ovvero l’esigenza delle persone di mantenere un coerente senso di sé stessi (Kunda, 1999; ciatato in Ahearne, Bhattacharya, 2005). Per verificare ciò si sono analizzati due gruppi di consumatori ben distinti, gli Harleysti e i Ducatisti, rispettivamente acquirenti delle moto Harley-Davidson e delle moto Ducati, la scelta di tale settore è in funzione delle caratteristiche del prodotto moto, bene che possiede alti contenuti simbolici ed emozionali e che quindi ci ha permesso di sottoporre a verifica tutte le nostre ipotesi, ovvero: maggiore è la congruenza tra Brand Personality percepita e Consumer Personality, e più il brand aiuterà ad esprimere i valori del consumatore (Self-Express Value), più questo risulterà attraente ai suoi occhi (Attractiviness Brand Personality), maggiore sarà l’identificazione del consumatore con il brand (Brand Identification) e più il consumatore effettuerà comportamenti che supportino il brand stesso (Brand Loyalty, Comportamento di riacquisto, Opinion Leadership e Passaparola positivo). I risultati dell’indagine hanno confermato la rilevanza della maggior parte delle variabili osservate, individuando in queste, il ruolo di importanti fattori predittivi nelle scelte di acquisto e

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia II

Autore: Fabrizio Ferrini Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3376 click dal 24/09/2009.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.