Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'apprendistato professionalizzante

La tesi riassume la storia dell'istituto dell'apprendistato professionalizzante, partendo dalla nascite e concentrandosi in particolare sulla riforma Biagi (D.Lgs. n. 276/03) e i recenti interventi della Corte Costituzionale riguardo l'attuazione dell'istituto e le competenze Stato - Regioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
3    INTRODUZIONE Il contratto di apprendistato, definito per la prima volta in Italia dall’art. 2 della legge 19 gennaio 1955, n. 25, più volte modificata ed integrata, ha dato risposta a due esigenze particolarmente difficili da conciliare: da un lato il Governo e le organizzazioni sindacali dei lavoratori che puntavano ad un incremento dell’occupazione giovanile e dall’altro la parte imprenditoriale che proponeva un uso più flessibile della forza lavoro. Questa trattazione esaminerà, quindi, questo fondamentale istituto sin dalle origini, quand’era ancora denominato tirocinio, valutando anche criticamente la sua evoluzione storica, ponendo particolare attenzione su come era disciplinato in base alle fonti normative che lo hanno regolato nel corso degli anni, in particolare il Codice Civile e le decisioni della Corte Costituzionale. Seguirà poi una prima analisi della riforma effettuata dal Parlamento con l’art. 2 della L. 14 febbraio 2003, n. 30 ed attuata dal Governo con il decreto legislativo del 10 settembre 2003, n. 276, la cosiddetta “Legge Biagi”. Ci soffermeremo sugli obbiettivi della legge delega e sulla principale novità di questa riforma, ovvero l’analisi delle tre tipologie di apprendistato che sono andate a sostituire la singola preesistente, soffermandoci sulle problematiche ad esse collegate. In seguito verranno esposti i numerosi interventi correttivi e interpretativi che hanno rallentato l’attuazione soprattutto dell’apprendistato professionalizzante, cioè la tipologia che analizzeremo poi nel secondo capitolo. Il paragrafo successivo è dedicato ai tipi di formazione professionale prevista dall’apprendistato che, rappresentando il principale strumento di collegamento tra scuola, formazione e lavoro, permette poi di introdurre un breve cenno al diritto comunitario e le sue proposte per migliorare l’istituto.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Tommaso Toson Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2725 click dal 15/09/2009.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.