Skip to content

La regolazione vasomotoria nell'emicrania: studio mediante Doppler transcranico

Informazioni tesi

  Autore: Nicola Morelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Medicina e Chirurgia
  Relatore: Luigi Murri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 64

Un contributo importante al trattamento sintomatico dell’emicrania senza aura è stato portato dalla sintesi dei farmaci agonisti serotoninergici 5HT1B/1D di prima e seconda generazione. Sebbene tali farmaci, conosciuti anche come triptani, mostrino selettività per i recettori post-sinaptici 5HT1B ad azione vasocostrittrice, situati sui vasi meningei, e per i recettori 5HT1D pre-sinaptici, coinvolti dell’infiammazione neurogena e nella trasmissione delle afferenze dolorifiche, permane ancora la controindicazione all’impiego di tali molecole nei pazienti con fattori di rischio cardio e cerebrovascolare, per la potenziale azione vasocostrittrice anche sui vasi non target (arterie coronarie e cerebrali). Ai fini della valutazione della attività vasocostrittrice e della sicurezza cardio e cerebrovascolare dei triptani, sono state realizzate indagini in vitro su vasi isolati e per il sumatriptan, triptano di prima generazione, anche in vivo con l’impiego del Doppler transcranico (DTC). Sebbene tale metodica rappresenti un approccio non invasivo, largamente impiegato nello studio della vasoreattività cerebrale, a tutt’oggi non sono disponibili in letteratura, dati relativi alle eventuali modificazioni dei parametri velocimetrici cerebrali dopo somministrazione di triptani di seconda generazione, tra cui, di più recente introduzione, si annovera il rizatriptan (RZT). Scopo di questo studio è stata la valutazione della potenziale azione vasocostrittrice di tale farmaco sull’arteria cerebrale media (ACM), verificando, mediante monitoraggio con DTC, le eventuali variazioni della velocità media registrata sulla ACM destra e sinistra, durante attacco spontaneo di emicrania senza aura, prima e dopo l’assunzione di RZT 10 mg RPD per os

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. INTRODUZIONE La International Headache Society (IHS, 1988) definisce l’emicrania come cefalea idiopatica caratterizzata da attacchi parossistici ricorrenti di dolore da moderato a severo, generalmente unilaterale, pulsante, esacerbato dalle comuni attività fisiche e accompagnato da sintomi quali anoressia, nausea, vomito, foto e fonofobia. Nella popolazione adulta l’emicrania ha una prevalenza variabile tra il 2% nei paesi asiatici e il 14% nei paesi occidentali (Rasmussen, 1995). L’elevata incidenza in Europa e negli Stati Uniti e la sua occorrenza essenzialmente nell’età giovane adulta, determinano elevati costi individuali e sociali (Lipton et al., 1997), ed hanno sollecitato la ricerca di farmaci sintomatici dotati di sempre maggiore efficacia e tollerabilità, preferibilmente in grado di controllare oltre alla sintomatologia algica anche i sintomi neurovegetativi di accompagnamento (Delue et al., 1997). L’emicrania è dunque un disturbo idiopatico molto diffuso, la principale caratteristica è la comparsa accessuale di episodi di cefalea, generalmente di intensità moderata-severa, che peggiora con la normale attività fisica, di durata variabile dalle 4 alle 72 ore, la cui frequenza varia considerevolmente da paziente a paziente e nei diversi periodi della vita. La presenza o meno di segni e/o sintomi neurologici transitori, che precedono e solo raramente accompagnano o seguono la fase algica, riferibili a

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antiemicranici
autoregolazione
cefalea
cranioselettività
doppler transcranico
effetti avversi
effetti collaterali
emicrania
emicrania senz'aura
neurosonologia
rizatriptan
trattamento sintomatico
triptani

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi