Skip to content

Gli obblighi degli intermediari nel collocamento degli strumenti finanziari

Informazioni tesi

  Autore: Rosario De Carluccio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia bancaria
  Relatore: Antonio Petraglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 114

Negli ultimi anni il tema dell’educazione finanziaria ha assunto una crescente importanza in risposta ai drastici cambiamenti che stanno interessando lo scenario globale dei mercati finanziari. La maggiore complessità dei mercati finanziari (in termini di prodotti/servizi, strumenti e canali di offerta), il trasferimento dei rischi dalle Istituzioni al cittadino, le dinamiche socio-demografiche e il mutamento degli stili di vita dei consumatori sono i quattro driver che hanno destato con forza l’attenzione dei Governi nazionali su tale tema. In particolare, a livello internazionale si osserva la convergenza di tre fattori critici:

- la sostenibilità del sistema previdenziale nel medio-lungo termine;
- il crescente indebitamento delle famiglie;
- livelli non sempre adeguati di cultura finanziaria.

I fenomeni in atto aumentano la complessità nelle scelte finanziarie degli individui, la cui qualità si riflette, in ultima istanza, sull’efficienza del sistema finanziario e sull’economia complessiva di ogni Paese. Il miglioramento del livello dell’educazione finanziaria - intesa come il processo attraverso il quale il consumatore/investitore migliora la propria comprensione di prodotti e nozioni finanziarie, sviluppa le capacità e la fiducia necessarie per diventare maggiormente consapevole dei rischi e delle opportunità finanziarie, per effettuare scelte informate, comprendere a chi chiedere supporto e mettere in atto altre azioni efficaci per migliorare il proprio benessere finanziario - permette di attivare un circolo virtuoso di crescita del Paese.
Gli interessi in gioco sono molteplici in quanto il miglioramento della cultura finanziaria della popolazione coinvolge direttamente il Paese, il sistema finanziario e i singoli cittadini.
Lo scenario italiano è simile a quello riscontrato anche nella maggioranza dei Paesi analizzati a livello internazionale: il livello di cultura finanziaria è in generale basso e poco adeguato a rispondere alle sfide che i nuovi scenari pongono nei confronti dei consumatori.
La maggioranza degli Italiani percepisce barriere oggettive all’informazione finanziaria e più del 70% si giudica poco preparato in materia di decisioni finanziarie e avverte l’esistenza di vincoli alla comprensione delle informazioni di natura finanziaria.
Il 65% dei ragazzi tra gli 11 e i 25 anni si mostra poco o per nulla interessato alla gestione del risparmio e più del 70% non ha alcuna competenza in materia.
L’assenza di una strategia a livello nazionale dedicata all’educazione finanziaria e di un soggetto “istituzionalmente” dedicato a coordinare e guidare le iniziative unitamente al mancato coinvolgimento del sistema educativo sono tra i principali punti critici che le Istituzioni e il sistema economico-finanziario devono considerare.
Anche all’estero gli interessi pubblici e privati sono molteplici e il primo passo è stata l’individuazione di un soggetto cui delegare il compito di agire da interfaccia per recepire e contemperare le esigenze e le necessità manifestate dai diversi stakeholder coinvolti e guidare/coordinare le iniziative in atto.

Alla luce dell’analisi della principale casistica internazionale, è possibile formulare alcuni possibili provvedimenti per favorire il miglioramento del livello di educazione finanziaria nel nostro Paese(...).

Nel mondo tutte le maggiori economie - inclusa l’Unione Europea - si stanno attivando per sostenere e migliorare l’educazione finanziaria dei cittadini: in Europa, l’Italia è allineata agli altri Stati Membri ma deve recuperare il gap rispetto ai first mover per non restare indietro in questo percorso di miglioramento. Occorre agire in un’ottica sinergica che coinvolga tutte le componenti del Sistema Paese.
In Italia un importante lavoro è stato portato avanti dal Consorzio PattiChiari, promosso nel settembre 2003 dall’Associazione Bancaria Italiana per costruire una nuova relazione tra le banche e i cittadini, le famiglie e le imprese basata su una maggior fiducia e un dialogo chiaro, comprensibile e trasparente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
IV Premessa Negli ultimi anni diversi fattori concomitanti hanno influenzato le scelte di investimento dei risparmiatori. La caduta dei tassi di interesse, la quale ha deluso il risparmiatore per il rendimento dei propri risparmi, la crescita prima e il successivo crollo delle Borse azionarie, a causa del susseguirsi di scandali finanziari, associate all’innovazione di prodotto proposta dagli intermediari finanziari, hanno avvicinato il “BOT People” a nuovi e spesso più rischiosi strumenti finanziari. L’innovazione tecnologica ha consentito la nascita di “nuovi” servizi. Il trading on line ha riscosso successo tra gli investitori retail favorendo lo sviluppo di diverse modalità di accesso ai servizi di investimento. Gran parte degli investitori on line, attratti dai vantaggi funzionali e di costo nonché dal contenuto ludico del nuovo servizio, hanno tuttavia imparato a proprie spese i rischi dell’investimento “fai da te”. Nonostante la cultura finanziaria dei risparmiatori sia aumentata l’avvicinamento ai nuovi prodotti/servizi non è sempre stato pienamente consapevole soprattutto nella valutazione delle varie tipologie di rischio ad essi associati. Infatti, dall’ultima indagine svolta dall’ACRI, l’Associazione delle Casse di Risparmio Italiane e delle Fondazioni di Origine Bancaria, in occasione della giornata Mondiale del Risparmio, è emerso che la maggior parte degli italiani percepisce barriere oggettive all’informazione finanziaria e più del 70% si giudica piuttosto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adeguatezza
appropriatezza
banche
best execution
collocamento
contratti swaps
critiche banche
derivati
diversificazione
finanziario
intermediari
investire
market in finanzial
mifid
obblighi
opzioni
patti chiari
profilatura
questionario
risto d'investimento
servizi d'investimento
strumenti finanziari
titoli
tutela clienti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi