Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Castello Porto Colleoni Thiene: quattro secoli di ritratti

La raccolta di dipinti, oggetto di questo lavoro, è conservata ed esposta nel Castello Porto Colleoni Thiene di Thiene (VI) ma non è mai stata finora analizzata in modo esaustivo nella sua complessità; solo alcuni dipinti, infatti, sono stati studiati e attribuiti in anni recenti. Mancando in gran parte una bibliografia specifica, mi sono avvalsa delle preziose informazioni fornite dal curatore storico artistico e proprietario del Castello prof. Clemente di Thiene.
L’indagine sui personaggi si è basata inoltre sullo studio delle genealogie della nobiltà vicentina del Marzari e del Da Schio. Di non tutti i personaggi è stato possibile individuare con certezza assoluta l’identità, ma l’analisi dell’abbigliamento, nella quale mi ha guidato la professoressa Davanzo Poli, mi ha consentito di circoscrivere i dipinti in ambiti cronologici abbastanza ristretti.
In qualche caso tale analisi ha evidenziato delle contraddizioni storicoiconografiche di non facile risoluzione.
Si ipotizza che tutte i personaggi ritratti delle opere siano membri delle casate Porto, Colleoni-Porto e Thiene che hanno vissuto nella Villa dalla sua fondazione (fine del secolo XV) ad oggi o comunque personaggi ad esse strettamente legati. Quindi per meglio contestualizzare i ritratti che troneggiano nelle varie sale, si è ritenuto utile anteporre alle schede dei dipinti un excursus sulla storia della Villa nelle sue componenti artistiche e architettoniche. In secondo luogo si sono brevemente tratteggiati i profili delle tre famiglie. Non tutti i ritratti della raccolta sono oggetto del mio studio, ma solamente quelli esposti nelle sale visitabili del Castello.
L’obiettivo principale di questo lavoro è di ordine storico-iconografico e consiste nel riconoscere i personaggi raffigurati nei dipinti cercando di indicare una datazione meno vaga, se possibile, di quella che in precedenza era collocata entro un secolo di riferimento: a questo riguardo ho seguito le indicazioni, oltre che del relatore, dei proff. Paola Rossi, Sergio Marinelli, Giuliana Ericani e del restauratore delle opere Serafino Volpin anche confrontando i dipinti in esame con opere note.

Mostra/Nascondi contenuto.
Il Castello Porto Colleoni Thiene: quattro secoli di ritratti Prefazione - 3 - Prefazione La raccolta di dipinti, oggetto di questo lavoro, è conservata ed esposta nel Castello Porto Colleoni Thiene di Thiene (VI) ma non è mai stata finora ana- lizzata in modo esaustivo nella sua complessità; solo alcuni dipinti, infatti, so- no stati studiati e attribuiti in anni recenti. Mancando in gran parte una bi- bliografia specifica, mi sono avvalsa delle preziose informazioni fornite dal cu- ratore storico artistico e proprietario del Castello prof. Clemente di Thiene. L’indagine sui personaggi si è basata inoltre sullo studio delle genealogie della nobiltà vicentina del Marzari e del Da Schio. Di non tutti i personaggi è stato possibile individuare con certezza assoluta l’identità, ma l’analisi dell’abbigliamento, nella quale mi ha guidato la professoressa Davanzo Poli, mi ha consentito di circoscrivere i dipinti in ambiti cronologici abbastanza ri- stretti. In qualche caso tale analisi ha evidenziato delle contraddizioni storico- iconografiche di non facile risoluzione. Si ipotizza che tutte i personaggi ritratti delle opere siano membri delle casate Porto, Colleoni-Porto e Thiene che hanno vissuto nella Villa dalla sua fonda- zione (fine del secolo XV) ad oggi o comunque personaggi ad esse stretta- mente legati. Quindi per meglio contestualizzare i ritratti che troneggiano nel- le varie sale, si è ritenuto utile anteporre alle schede dei dipinti un excursus sulla storia della Villa nelle sue componenti artistiche e architettoniche. In se- condo luogo si sono brevemente tratteggiati i profili delle tre famiglie. Non tutti i ritratti della raccolta sono oggetto del mio studio, ma solamente quelli esposti nelle sale visitabili del Castello. L’obiettivo principale di questo lavoro è di ordine storico-iconografico e consi- ste nel riconoscere i personaggi raffigurati nei dipinti cercando di indicare una datazione meno vaga, se possibile, di quella che in precedenza era collocata entro un secolo di riferimento: a questo riguardo ho seguito le indicazioni, ol- tre che del relatore, dei proff. Paola Rossi, Sergio Marinelli, Giuliana Ericani e del restauratore delle opere Serafino Volpin anche confrontando i dipinti in esame con opere note.

Laurea liv.I

Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali

Autore: Giovanna Segalla Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 337 click dal 22/09/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.