Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Prove sperimentali di compressione su colonne in muratura confinate con FRP

La tesi svolta affronta il tema del rinforzo strutturale di edifici storici con materiali innovativi quali i Polimeri Fibrorinforzati, quali fibre di Carbonio vetro e Aramidiche, meglio conosciuti come FRP (Fyber Reinforced Polymer).In particolar modo sono stati testati 10 campioni in media scala di colonne in muratura di pietra leccese a base quadrata di 25cm e un'altezza di 50 cm, confinati con GFRP (fibre di Vetro). Il rinforzo ha conivolto 5 campioni i quali sono stati rinforzati 3 con fasciatura discontinua e 2 con fasciatura continua, i 5 restanti sono stati definiti di controllo ai fini della valutazione dell'efficacia dei rinforzi applicati.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I Introduzione al lavoro di tesi 1 Prove sperimentali di compressione su colonne in muratura confinate con FRP 1. 1 Introduzione ed obiettivi li edifici in Italia costituiscono un patrimonio edilizio che è rappresentato in larga parte da costruzioni che, o singolarmente o per l’insieme unitario, sono degni di significativo interesse. Tutti gli edifici sono vulnerabili alle variazioni termiche e igrometriche, che determinano soluzioni di continuità spesso notevoli, agli agenti atmosferici che portano a processi di degrado tanto più celeri quanto più la materia è esposta; ancora i moti del terreno che possono portare a smembramenti più o meno gravi delle strutture murarie, e infine i sovraccarichi che possono portare a dissesti statici da schiacciamento. In questo lavoro di tesi si è preso in particolar modo in analisi i dissesti statici da schiacciamento con le relative cause e i possibili interventi di recupero. Negli ultimi anni sta assumendo, quindi, grande rilevanza il tema della conservazione e della messa in sicurezza delle strutture soprattutto se di pregevole valore artistico e monumentale. Tra le varie tecniche innovative di consolidamento oggi disponibili, particolare interesse stanno suscitando rinforzi di elementi strutturali mediante materiali compositi FRP (Fiber Reinforced Polymer), i quali consentono metodologie di intervento efficaci e meno invasive, non comportando perdite di autenticità dell’opera e non stravolgendone la concezione originale, andando così a sostituire quelle che erano le tecniche tradizionali di confinamento, come ad esempio cerchiatura metallica, cerchiatura elicoidale e tiranti antiespulsivi. Gli FRP sono particolarmente utilizzati per il G Fig. 1 “ colonna dorica”

Tesi di Laurea

Facoltà: Iterfacoltà di Ingegneria Beni Culturali Scienze Matematiche Fisiche e Nat

Autore: Enrico Mazzotta Contatta »

Composta da 203 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1776 click dal 24/09/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.