Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Origine ed evoluzione dello Stato Sociale in Svezia

La Svezia è nota nel mondo per essere il prototipo di Welfare State socialdemocratico, un sistema nel quale tutto sembra funzionare alla perfezione, e la sicurezza sociale viene modellata su una combinazione tra universalismo, vale a dire il principio secondo il quale tutti i cittadini godono degli stessi diritti sociali, e il principio della conservazione del reddito, in base al quale si assicura un adeguato
tenore di vita anche a coloro che, per qualche ragione, non possono continuare a lavorare.
In questo lavoro si intende mostrare il percorso che ha condotto al moderno Welfare State svedese, analizzando le sue origini ed evoluzione nel corso degli ultimi decenni, e la crisi a cui esso è andato incontro. Si intende inoltre analizzare quali potranno essere le prospettive dell’economia svedese, cioè se il suo Welfare
andrebbe rafforzato o ridimensionato. Si giungerà alla conclusione che esso rappresenta il punto di forza dell’economia svedese, essendo fonte di prosperità, benessere ed approvazione da parte dei cittadini, pur essendovi punti di debolezza, quali il tasso di disoccupazione.
Si partirà parlando delle origini del Welfare State svedese, affrontando la sua industrializzazione, la crisi economica, gli effetti della seconda guerra mondiale e della politica keynesiana, ed i livelli di occupazione e disoccupazione.
Nel secondo capitolo si parlerà delle caratteristiche generali dello Stato sociale in Svezia, analizzando le sue sfaccettature, a partire dal sistema scolastico, passando attraverso la sanità, la politica familiare, concludendo con la protezione sociale e
mettendo in risalto come tutti questi interventi abbiano influito sul livello di benessere generale dei cittadini.
Nel terzo capitolo si tratterà della distribuzione del Welfare,vale a dire del modo in cui lo Stato cerca di ridurre le disuguaglianze all’interno della società, assumendo la sua connotazione di modello universale.
Infine si affronterà la visione del modello svedese in un contesto internazionale, att raverso l’analisi degli indici di Welfare.

Mostra/Nascondi contenuto.
BIBLIOGRAFIA INTRODUZIONE La Svezia è nota nel mondo per essere il prototipo di Welfare State socialdemocratico, un sistema nel quale tutto sembra funzionare alla perfezione, e la sicurezza sociale viene modellata su una combinazione tra universalismo, vale a dire il principio secondo il quale tutti i cittadini godono degli stessi diritti sociali, e il principio della conservazione del reddito, in base al quale si assicura un adeguato tenore di vita anche a coloro che, per qualche ragione, non possono continuare a lavorare. In questo lavoro si intende mostrare il percorso che ha condotto al moderno Welfare State svedese, analizzando le sue origini ed evoluzione nel corso degli ultimi decenni, e la crisi a cui esso è andato incontro. Si intende inoltre analizzare quali potranno essere le prospettive dell’economia svedese, cioè se il suo Welfare andrebbe rafforzato o ridimensionato. Si giungerà alla conclusione che esso rappresenta il punto di forza dell’economia svedese, essendo fonte di prosperità, benessere ed approvazione da parte dei cittadini, pur essendovi punti di debolezza, quali il tasso di disoccupazione. Si partirà parlando delle origini del Welfare State svedese, affrontando la sua industrializzazione, la crisi economica, gli effetti 4

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Isabella Chiara Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5770 click dal 25/09/2009.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.