Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

2001, Odissea nella censura

La tesi si occupa del panorama della televisione italiana dalle origini fino ad oggi, passando per le tv private di Silvio Berlusconi, la Rai e le censure televisive del 2001.

Mostra/Nascondi contenuto.
2001 ODISSEA NELLA CENSURA 4 INTRODUZIONE Dal 2001, anno in cui Luttazzi, Biagi e Santoro sono stati epurati dalla Rai e – coincidenza – anno in cui Silvio Berlusconi diventa Presidente del Consiglio, abbiamo assistito a una lenta e progressiva limatura, a un appiattimento non solo per quanto riguarda l’ambito dell’informazione giornalistica (Tg che bucano le notizie e parlano di cucina e vacanze) ma anche di tutte quelle altre trasmissioni dedicate all’approfondimento e all’intrattenimento (‘Ballarò’ di Floris è molto interessante, ma ha quel qualcosa in meno rispetto a ‘Sciuscià’; ‘Parla con me’ della Dandini è molto divertente e a tratti irriverente, ma anche qui….). Insomma, qualcosa è cambiato, e ce ne siamo accorti tutti. Durante la lottizzazione della cosiddetta ‘Prima Repubblica’, quando Rai1, Rai2 e Rai3 erano rispettivamente gestiti dalla DC, PSI e PCI, era almeno assicurato una sorta di pluralismo: ognuno era libero di scegliere il canale che più rispecchiava i propri orientamenti, un po’ come chi in edicola sceglie un quotidiano piuttosto che un altro. Certo non tutti avevano diritto a un piccolo angolo felice in tv, solo chi era legato ai grandi leader politici poteva sperare in una fruttuosa carriera. Il sistema non era sano e il problema della lottizzazione della Rai è stato per anni al centro di animati, quanto inutili, dibattiti: la soluzione, infondo, non conveniva a nessuno. Quando alla fine degli anni Settanta comparvero le prime tv private, in molti pensarono che con il moltiplicarsi delle voci, finalmente qualcosa sarebbe cambiato. Non ci si aspettava certo che le ‘tante voci’ sarebbero state presto schiacciate o inglobate dal colosso Fininvest, guidato con spettacolare spregiudicatezza dall’imprenditore Silvio Berlusconi, supportato da un potente mercato di investimenti pubblicitari e agevolato da importanti amicizie politiche.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cecilia Scougall Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 843 click dal 28/09/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.