Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

People in the Cube

Progettazione di design d'interno di moduli cubici.
La struttura del cubo è composta da una intelaiatura di travetti d’acciaio a base quadrata di lato 3 cm che percorrono il perimetro del modulo; per garantire maggiore stabilità, è possibile creare una griglia di travetti di 1x1 m saldati poi tra loro. Il modulo è inoltre dotato di otto rotelle che ne permettono la mobilità, posizionate ai quattro angoli esterni e ai quattro angoli del pannello centrale del pavimento. Anche la base è realizzata con una struttura reticolare in acciaio, e necessita un rivestimento di pannelli modulari 1x1m, per permettere l’ispezionabilità della parte sottostante.
Ornamento e decorazione hanno etimologicamente significati diversi, ma il tempo e l’uso li hanno resi pressoché sinonimi, facendo sottintendere a entrambi un abbellimento totalmente superfluo, in opposizione quindi alla struttura, che è invece sostanziale per tutto il sistema. Ma fin dall’antichità, solo raramente l’architettura ha considerato estranei gli ornamenti applicati, non percependoli come parte integrante del suo linguaggio, visualizzandone e sottolineandone spesso le strutture essenziali, per qualificare la costruzione e definirla nella sua organicità. Vitruvio, addirittura, attribuiva all’ornato un posto d’onore (purché non si arrivasse alla decorazione eccessiva e all’inutile sfarzo) perché riconosceva che l’ordine, la disposizione, il numero, il decoro, la distribuzione stessa degli elementi architettonici avessero in sé una finalità ornamentale.
In tutte le epoche, tuttavia, vi è stato un gioco d’alternanza tra accettazione e rifiuto della decorazione e ora l’uno ora l’altro atteggiamento diveniva forza culturale prevalente.
Dalla metà dell’Ottocento, la concezione dell’ornamento come rivestimento convenzionale era inscindibile dallo stile, concepito come espressione completa e integrale di un’epoca. Contemporaneamente, il dibattito sull’argomento si fa incalzante e quanto mai vivace: Pugin, Ruskin, Semper, Jones, Viollet-le-Duc, Riegl, Worringer, Loos, Boas e altri animano con le loro teorie interi decenni, ciascuno paladino delle proprie convinzioni, secondo le quali ornamentare è «insozzare i muri con disegni osceni» (A.Loos) e la decorazione è «il primo alfabeto del pensiero umano alle prese con lo spazio» (H.Focillon). L’ornamento è dunque «il
principio dell’architettura» (J.Ruskin), ma anche «un lusso mentale, non una necessità [...] sarebbe un gran bene per la nostra estetica se fossimo capaci di fare a meno di usarlo per un buon numero di anni» (L.Sullivan). Non deve stupire tanta diversità di opinioni: già nel Medioevo gli ordini religiosi discutevano sull’opportunità o meno di accettare nelle chiese qualunque cosa potesse distogliere dal raccoglimento, per cui al rigore dei mendicanti del Duecento o degli agostiniani del Quattrocento si contrappose l’abbondanza pittorica dei francescani (per esempio ad Assisi)...

Mostra/Nascondi contenuto.
I l telaioStruttura portante telaio metallico di sostegno eventuale rivestimento pavimentazione profilo di sostegno supporto mobile La struttura del cubo è composta da una intelaiatura di travetti d’acciaio a base quadrata di lato 3 cm che percorrono il perimetro del modulo; per garantire maggiore stabilità, è possibile creare una griglia di travetti di 1x1 m saldati poi tra loro. Il modulo è inoltre dotato di otto rotelle che ne permettono la mobilità, posizionate ai quattro angoli esterni e ai quattro angoli del pannello centrale del pavimento. Anche la base è realizzata con una struttura reticolare in acciaio, e necessita un rivestimento di pannelli modulari 1x1m, per permettere l’ispezionabilità della parte sottostante.

Laurea liv.I

Facoltà: Design e Arti

Autore: Michela Bonzi Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1198 click dal 01/10/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.