Skip to content

Strategia comunitaria per l'ambiente marino: proteggere la biodiversità marina attraverso la rete natura 2000. Un esempio: l'Area Marina Protetta dell'Asinara

Informazioni tesi

  Autore: Stefania Napoli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Sassari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Silvia Sanna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 152

il lavoro vuole mostrare come la protezione dell'ambiente marino passi, in particolare a livello comunitario, ma anche sul piano internazionale e nazionale, per la creazione di aree marine protette. E' composto di 5 capitoli e collega tre piani normativi: l'internazionale, analizzando le principali convenzioni riguardanti la tutela del mare e della biodiversità marina; il piano comunitario, con le principali direttive sulle acque e l'ambiente marino (direttiva 2000/60/Ce e direttiva 2008/56/Ce) e quelle riguardanti la tutela della biodiversità (direttiva "Uccelli" e direttiva "Habitat"); ed il piano nazionale, attraverso l'analisi della Legge quadro sulle aree protette (L.n. 394/1991). l'attenzione si concentra sulla nuova politica comunitaria di difesa dell'ambiente marino, la quale passa attraverso gli strumenti già esistenti della rete Natura 2000 e dello strumento finanziario per l'ambiente LIFE. Nel quinto ed ultimo capitolo si mostra come, in concreto, le convenzioni internazionali ed, in particolare, le norme comunitarie, vengano applicate attraverso l'esempio dell'Area Merina Protetta "Isola dell'Asinara" ed il ParcoNazionale dell'Asinara.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREFAZIONE “IL PIANETA BLU”, così la terra si presenta agli occhi di chi la guarda dallo spazio. Un colore dovuto alla presenza di mari e oceani i quali ricoprono più del 70% della superficie terrestre e rappresentano la quasi totalità degli spazi vitali sulla terra 1 . La loro presenza è fondamentale non solo per la vita umana ma per l’intero equilibrio ecologico del nostro pianeta; rappresentano un immenso serbatoio d’acqua e l’anello principale del relativo ciclo 2 ; sono anche serbatoi di calore, da qui l’importanza per il controllo climatico della Terra 3 . Da essi l’uomo può ricavare alimenti, materie prime come gas e petrolio (o più semplicemente sale), ma anche energia. Non si può dimenticare che mari ed oceani sono anche importanti vie di comunicazione che hanno permesso non soltanto lo sviluppo commerciale dei popoli, ma anche la loro espansione, in termini di conquiste, e la conoscenza di nuove terre e culture. Ai giorni nostri il mare è una risorsa fondamentale per l’economia turistica: un mare incontaminato, o per lo meno pulito, è sicuramente una carta vincente per attirare i turisti (noi lo sappiamo bene visto che l’economia sarda molto deve alle sue incantevoli spiagge e allo splendido mare cristallino). Il mare è quindi una risorsa fondamentale; il problema consiste nel fatto che, come tutto ciò che esiste al mondo, si tratta di una risorsa non infinita e, soprattutto, destinata ad essere influenzata e modificata dalle attività umane che, direttamente o indirettamente, lo coinvolgono. Per troppo tempo siamo stati convinti della “l’immortalità” dei mari e degli oceani (insieme con le loro risorse), perciò li abbiamo sfruttati e contaminati, usandoli come fossero immense discariche, senza preoccupazioni. Solo recentemente ci siamo resi conto che tali convinzioni non erano corrette: anche mari ed oceani “risentono” dell’ utilizzo indiscriminato che ne abbiamo fatto, così come le loro risorse non sono infinite. Una nuova consapevolezza che cade come un fulmine a ciel sereno. Ed ecco che, finalmente, il secolo scorso, la comunità internazionale ha intrapreso i primi passi, prima timidamente e poi, via via, sempre con 1 http://www.ideali.be/osservatorio/basic432.html 2 L’acqua degli oceani evapora, sale nell’atmosfera e ricade sulla terra sotto forma di pioggia, tornando al mare attraverso i fiumi. 3 Assorbono l’energia solare per poi rilasciare lentamente il calore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente marino
aree marine protette
biodiversità
isola dell'asinara
protezione ambiente marino
strategia marina comunitaria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi