Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli studi di settore alla luce dell'evoluzione legislativa, della prassi e della giurisprudenza

Lo scopo di questa tesi è quello di indagare sul “fenomeno” studi di settore che, negli ultimi anni, è venuto acquisendo un’importanza sempre crescente.

Gli studi di settore costituiscono una metodologia accertativa che si fonda sulla valorizzazione statistica della forza produttiva del contribuente.
Essi esprimono quindi particolari schemi accertativi fondati esclusivamente su impulsi di natura matematico-statistica, finalizzati a tradurre in credibili termini quantitativi (ammontare di ricavi) la forza produttiva dei contribuenti amalgamati in gruppi omogenei (cosiddetti cluster) in relazione alla specifica attività economica esercitata.

La determinazione del reddito e l’accertamento da parte dell’Amministrazione finanziaria hanno da sempre costituito l’oggetto di un costante dibattito, non solo all’interno del mondo accademico, ma anche di quello politico e amministrativo.
Gli studi di settore portano a compimento il processo diretto all’introduzione di metodi di accertamento della capacità contributiva “indiretti”, iniziato con l’introduzione dei “coefficienti presuntivi”, di cui al D.L. 2 marzo 1989, n. 69, e proseguito con la cosiddetta minimum tax ex art. 11-bis del D.L. 19 settembre 1992, n. 384 e dei “parametri” ex art. 3, commi 181-189, della L. 28 dicembre 1995, n. 549.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO I VERSO GLI STUDI DI SETTORE: L’EVOLUZIONE DEGLI STRUMENTI DI ACCERTAMENTO INDUTTIVO DEL REDDITO 1. Il dilemma reddito effettivo-reddito normale, e il riferimento alla Riforma del Cosciani La determinazione del reddito e l’accertamento da parte dell’Amministrazione finanziaria hanno da sempre costituito l’oggetto di un costante dibattito, non solo all’interno del mondo accademico, ma anche di quello politico e amministrativo. Fin dalla riforma del 1973 il sistema tributario italiano è sempre stato in bilico tra l’applicazione di metodi di determinazione del reddito d’impresa e di lavoro autonomo che rispettassero precise regole contabili e metodi basati su criteri empirici di natura presuntiva. Il legislatore1 della Riforma tributaria 1971-1973 pone a presupposto dell’imposizione il concetto di reddito effettivo: la base imponibile non deve pertanto essere costituita dal reddito che il contribuente o una categoria di contribuenti potrebbero mediamente realizzare, ma dall’ammontare di reddito effettivamente percepito dal soggetto passivo ottenibile dalla differenza tra i ricavi conseguiti e le spese sostenute. A tal riguardo si evidenzia l’intento del legislatore di creare da un lato le condizioni affinché i redditi vengano calcolati attraverso principi (di competenza e di analiticità) che ne consentano l’esatta individuazione, dall’altro di procedere ad una maggiore diffusione dell’obbligo di tenuta della contabilità ritenuta supporto indispensabile per un’imposizione conforme alla realtà economica dei soggetti passivi. Analogamente, per quanto concerne l’accertamento, si prevede che esso debba essere informato al principio dell’analiticità, prevedendo in sostanza il contemperamento dei poteri amministrativi con il rispetto della contabilità tenuta dal contribuente. Poiché la determinazione del reddito sulla base di una contabilità correttamente tenuta dovrebbe portare a risultati più aderenti alla realtà, l’Amministrazione 1 DPR 29 settembre 1973 n. 600.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Raffaele Belluardo Contatta »

Composta da 77 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2245 click dal 06/10/2009.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.