Skip to content

Il sistema agro-alimentare del Tavoliere di Puglia

Informazioni tesi

  Autore: Antonietta Nardella
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Pasquale Rossi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 403

Abstract
L’economia agricola della Capitanata è stata interessata dalla metà del ‘900 da una serie di trasformazioni. Lo sviluppo tecnologico nel campo della chimica, della meccanica e della genetica agronomica, unitamente ai mutamenti nelle preferenze e negli stili di vita dei consumatori, hanno portato ad un profondo rinnovamento dell’impresa agricola, con l’espulsione di una serie di funzioni connesse con l’approvvigionamento dei fattori produttivi e con la conservazione e la trasformazione dei prodotti agricoli in alimenti, Inoltre, l’aumento delle dimensioni e la maggiore specializzazione delle imprese agricole hanno ulteriormente ridotto il fenomeno dell’autoconsumo, dando un rilievo crescente alle forze del mercato.
Questa evoluzione ha portato alla scomparsa del sistema agricolo di tipo tradizionale, caratterizzato da una dimensione prevalentemente locale del mercato, da una forte quota di autoconsumo e da una scarsa dipendenza dall’industria di trasformazione, e ha determinato la formazione di un più complesso sistema agro-alimentare. In questo sistema l’impresa agricola svolge la funzione propria di una qualsiasi impresa manifatturiera, ossia la trasformazione di materie prime in prodotti finiti o semifiniti.
L’obiettivo della presente ricerca è quello di studiare le caratteristiche dell’organizzazione e della struttura del sistema agro-alimentare del Tavoliere, con riferimento alla trasformazione del paesaggio agrario locale e ai singoli comparti che costituiscono tale sistema.
Nell’individuare i singoli comparti dell’agro-alimentare, si è provveduto ad aggregare le distinte attività economiche in funzione del prodotto agricolo di provenienza, per sottolineare la centralità del ruolo della fase agricola nel modellare il sistema agro-alimentare.
Sono state analizzate, pertanto, cinque filiere, ciascuna delle quali di fondamentale interesse per l’economia agro-industriale foggiana: la filiera cerealicolo-molitorio-pastaria, l’olivicolo-olearia, l’ortofrutticolo-conserviera, la vitivinicola e la lattiero-casearia.
L’analisi si è basata sulla individuazione degli agenti che operano in ogni filiera, dei flussi di scambio di ognuna di esse e dei fattori di competitività delle imprese e dei comparti.
Il Tavoliere è la pianura più estesa dell’Italia peninsulare: quasi 3.000 kmq di superficie. I suoi confini sono costituiti dal Subappennino Dauno ad ovest, dal Gargano e dal Mar Adriatico ad est, dal fiume Fortore a nord e dal fiume Ofanto a sud. Dall’età classica, il Tavoliere è stato la meta della transumanza abruzzese. La pastorizia transumante fu regolamentata a fini fiscali durante il regno aragonese con l’istituzione nel 1447 della “Dogana della mena delle pecore in Puglia”. Questa attività prevalse fino al periodo napoleonico, quando le terre del Tavoliere furono concesse in enfiteusi perpetua con l’obbligo per l’enfiteuta di migliorarne la coltura. Con l’unificazione del Regno d’Italia, il governo italiano favorì l’affrancazione dei canoni sulle terre del Tavoliere, per cui gli enfiteuti divennero proprietari. La valorizzazione agraria del Tavoliere si è verificata negli ultimi decenni, con le opere di bonifica, la riforma fondiaria e lo sviluppo dell’irrigazione.
Attualmente la provincia di Foggia costituisce una tra le più significative aree del Paese a vocazione agricola. Secondo i dati del Censimento generale dell’agricoltura del 2000, le aziende agricole sono oltre 61 mila; la superficie agricola utilizzata è di circa 501 mila ettari (contro una superficie totale di 560 mila ettari), con una dimensione media aziendale di 8,22 ettari, che è superiore tanto a quella media regionale (5,18 ha), quanto a quella nazionale (3,55 ha).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I ASPETTI GENERALI 1. Il toponimo Il Tavoliere trae il suo nome dalle Tabulae censuariae, che registravano i beni posseduti dal fisco. L’origine del nome Tavoliere di Puglia è quindi da ricercarsi nell’esistenza di un patrimonio terriero regio (è, infatti, comune la dizione di Reggio Tavoliere e Real Tavoliere), inventariato con la denominazione di Tavoliere di Puglia, e che trova il motivo della sua individualità nell’unicità dell’utilizzazione, esclusivamente pastorale. Il termine Tavoliere non conteneva all’origine un significato regionale e neppure uno specifico fondamento geografico, perché le “locazioni” si estendevano a sud del fiume Ofanto, interessando le Murge in Terra di Bari e persino la Terra d’Otranto e la Basilicata. Nella stessa pianura foggiana alcune aree rientravano nel Tavoliere e altre aree finitime di privati ne erano escluse. Inoltre, la stereotipa preponderanza della utilizzazione economica faceva sì che per Tavoliere si intendesse esclusivamente il complesso dei terreni a pascolo. Il Regio Tavoliere di Puglia è espressione che viene sempre più usata dal secolo XVII in poi, in sostituzione di “Dogana della mena delle pecore”. Una

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agricoltura
allevamento
cantine
filiera cerealicolo-molitorio-pastaria
filiera lattiero-casearia
filiera olivicolo-olearia
filiera ortofrutticolo-conserviera
filiera vitivinicola
frantoi oleari
grano
industria agro-alimentare
industria casearia
industrie conserviere
mulini
olivicoltura
ortaggi
pastifici
prodotti caseari
puglia
sistema agro-alimentare
tavoliere
viticoltura
zootecnia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi