Skip to content

Il Kazakhstan nelle relazioni internazionali

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Rossi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Francesco Benvenuti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 208

Perché il Kazakhstan suscita sempre maggiore interesse nella comunità internazionale? Com'è stato possibile, per la diplomazia kazaka, mantenere ottimi rapporti sia con Mosca che con Washington? É stato realmente così? Quale ruolo gioca Astana all'interno di complesse questioni internazionali di stringente attualità, quali il problema del "nucleare iraniano" e la "questione uigura"? Com'è riuscito il Presidente Nazarbayev a far sì che il proprio paese, una non-democrazia, ottenesse la presidenza di turno dell'OSCE per l'anno 2010? A queste ed altre domande tenta di dare una risposta l'elaborato, il quale si configura come la più completa disamina (in lingua italiana) della politica estera kazaka dal 1991 ad oggi.

Sin dai suoi esordi alla fine del 1991, la politica estera del Kazakhstan indipendente si è sempre caratterizzata per l’adozione di un approccio “multivettoriale”. Ciò ha significato, in un’ottica puramente pragmatica e di perseguimento degli obiettivi strategici nazionali, evitare, con qualunque paese, rapporti pregiudizialmente preferenziali o discriminatori. Se da un lato, a causa della geografia (una frontiera comune di 7 mila chilometri) e della legacy sovietica (dipendenza economica e militare), la Russia ha costituito un partner naturale del Kazakhstan, dall’altro lato il Presidente Nazarbayev non ha mai cessato di considerare gli Stati Uniti (nonostante episodiche frizioni in tema di democrazia) come il principale bilanciatore alla grande influenza di Mosca nel paese (si pensi che al momento dell’indipendenza, nel 1991, un terzo della popolazione presente nella Repubblica kazaka era di etnia russa). Sia lo smantellamento dell’imponente arsenale nucleare ereditato dall’URSS, sia le ingenti risorse energetiche del Caspio hanno costituito potenti incentivi (che Nazarbayev è stato abile a sfruttare) alla presenza americana in Kazakhstan. Peraltro, proprio il settore dell’energia è stato quello che, negli ultimi anni, ha assunto maggior rilievo all’interno dei rapporti (sempre più intensi) tra Astana e Pechino. Tuttavia, il multivettorialismo non si è limitato a dirigere il Kazakhstan verso le grandi potenze: ugualmente rilevanti sono apparsi i rapporti con le potenze regionali asiatiche (in particolare, Giappone ed Iran), con gli altri paesi dell’Asia Centrale (anzitutto, Uzbekistan e Kyrgyzstan) e con l’Unione Europea. Neppure, l’approccio multivettoriale ha comportato un’esclusiva concentrazione degli sforzi diplomatici sulle relazioni bilaterali: il Kazakhstan si è rivelato il principale promotore dei processi d’integrazione regionale, oltre che un attivo protagonista all’interno di numerosi contesti istituzionali internazionali (CSTO, SCO, EurAsEC, CICA, OSCE, programma Partnership for Peace della NATO, etc.).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 I MULTIVETTORIALISMO Una politica estera bilanciata e multidimensionale è per noi un’oggettiva necessità. Kasym-Zhomart Tokayev, Ministro degli Esteri del Kazakhstan, 2004. L’ambiente interno Un sondaggio apparso il 30 Settembre 2008 sul sito del quotidiano on-line Gazeta.kz domandava ai lettori quale fosse, ammesso che vi fosse, la ragione del crescente interesse suscitato dal Kazakhstan nelle relazioni internazionali. Alla chiusura del sondaggio, il 2 Dicembre 2008, le risposte erano state solamente 85: la rilevanza statistica di tale campione appare, perciò, quantomeno dubbia1. Risultano invece estremamente significative le diverse risposte per le quali i lettori avevano avuto la possibilità di optare. L’attenzione della comunità internazionale verso il Kazakhstan avrebbe potuto essere determinata: a) dalla sua posizione geopolitica; b) dalla ricchezza di petrolio e di altre risorse naturali presenti nel sottosuolo del paese; c) dal carisma del Presidente Nazarbayev; d) dalle iniziative politiche delle autorità kazake2. Come si noterà nel corso dell’elaborato, ciascuna delle quattro opzioni contiene elementi di verità. Tuttavia, si dimostrerà come le prime tre alternative non offrano che una risposta parziale alla domanda iniziale “perché il Kazakhstan è oggi al centro (sempre ammesso che lo sia) dell’attenzione nell’arena politica internazionale?”, domanda alla quale tenta di dare una risposta questo primo capitolo. Scegliendo l’opzione “a)”, il lettore avrebbe posto l’accento sulla relazione tra geografia fisica, geografia umana ed azione politica3. In particolare, in tale ottica, risulterebbe immediato il riferimento al pensiero di Halford Mackinder e di coloro che, 1 La limitata attendibilità del sondaggio deriva, inoltre, dalla mancanza di informazioni circa la posizione sociale, il genere ed addirittura la nazionalità dei partecipanti. Senza contare poi la possibilità, per lo stesso soggetto, di votare più volte. Tuttavia, occorre aggiungere che, tra i 10 sondaggi promossi dal sito Gazeta.kz nel corso degli anni, quello da noi considerato si posiziona al secondo posto per maggior partecipazione. Si tenga presente, infine, che in Kazakhstan, su di una popolazione di circa 15 milioni di abitanti, meno di 2 milioni godono di un accesso, anche sporadico, ad internet; CIA-The World Factbook, https://www.cia.gov/library/publications/the-world-factbook/geos/kz.html (aggiornato al 5 Marzo 2009). 2 Internet Newspaper Gazeta.kz, http://eng.gazeta.kz/vresults.asp?p=1&vid=15 (2 Dicembre 2008). Con “iniziative politiche” s’intendono, evidentemente, azioni aventi rilevanza internazionale, perciò, principalmente, azioni di politica estera. 3 Il riferimento è all’idea di “geopolitica” propria di Yves Lacoste. Al centro di tale concetto vi sarebbero sia un territorio conteso, sia le popolazioni che vi abitano; Y. Lacoste, “Che cos’è la geopolitica”, in “Eurasia”, http://www.eurasia-rivista.org/cogit_content/articoli/EEluyZVEAkibIrjCwk.shtml (9 Marzo 2009).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

almaty
astana
cica
cina
csto
disarmo nucleare
eurasec
germania
giappone
iran
kazakhstan
kazakistan
kyrgyzstan
multivettorialismo
nato
nazarbaev
nazarbayev
osce
politica estera
russia
sco
stati uniti
unione europea
uzbekistan

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi