Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Diverse tipologie e tutele di silenzio nella pubblica amministrazione

Diverse tipologie e tutele di silenzio nella pubblica amministrazione

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1.- Premessa: oggetto dell’indagine. L’inerzia della pubblica amministrazione al cospetto di una richiesta di attività proveniente dall’esterno o in relazione ad un’attività officiosa, in quanto comportamento di inazione, non può avere un significato giuridico univoco. Ciò in quanto plurime e diverse, nei contenuti e negli effetti, sono le conseguenze che l’ordinamento giuridico ricollega al comportamento omissivo degli uffici amministrativi. L’inerzia può rilevare come illecito, cui corrisponde una sanzione per il funzionario renitente; può essere considerata sotto l’aspetto organizzativo e funzionale dell’apparato amministrativo onde predisporre eventuali competenze sostitutive di altri soggetti istituzionali; può, infine, rilevare, in senso generale, come presupposto oggettivo di previsioni normative poste a tutela di situazioni giuridiche in cui emerge l’interesse di un soggetto ad una specifica attività amministrativa. Con riferimento a quest’ultimo profilo, di particolare interesse sono i rimedi giuridici che l’ordinamento giuridico italiano appresta per rimuovere o prevenire gli effetti lesivi del silenzio. Le novità normative degli ultimi anni, ed in particolare quelle introdotte dal legislatore del 2000 (legge n. 205) e del 2005 (legge n. 15 e legge n. 80), hanno, infatti, posto le basi per una nuova (e si spera migliore) stagione dei rapporti tra i cittadini e le autorità amministrative, in cui ad un atteggiamento amministrativo ispirato al paradigma del c. d. ‘muro di gomma’ si dovrebbe sostituire un principio di azione fondato sull’assunto che “il tempo è funzione della medesima attività

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Fedele Ercolano Contatta »

Composta da 75 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1825 click dal 08/10/2009.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.