Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pubblicità per il progresso sociale

La pubblicità si è sviluppata essenzialmente come strumento di comunicazione delle imprese industriali e commerciali. Ciò ha condotto alla convinzione, errata, che questi fossero gli unici suoi ambiti di applicazione. In realtà, con gli opportuni adattamenti, essa può essere utilizzata anche da soggetti non economici, pubblici e privati, con finalità di natura diversa.
E’ per questo motivo che ho deciso di concentrare la mia attenzione verso un genere di pubblicità “più nobile”, che non ha lo scopo di vendere prodotti o servizi, ma è diretta alla promozione e diffusione di valori per il miglioramento della società: stiamo parlando della pubblicità sociale.
Il presente lavoro si occupa, appunto, del tema della pubblicità sociale, ed in particolar modo, analizza le campagne sociali sulla prevenzione.

Mostra/Nascondi contenuto.
Pubblicità per il progresso sociale 5 Introduzione La pubblicità si è sviluppata essenzialmente come strumento di comunicazione delle imprese industriali e commerciali. Ciò ha condotto alla convinzione, errata, che questi fossero gli unici suoi ambiti di applicazione. In realtà, con gli opportuni adattamenti, essa può essere utilizzata anche da soggetti non economici, pubblici e privati, con finalità di natura diversa. E’ per questo motivo che ho deciso di concentrare la mia attenzione verso un genere di pubblicità “più nobile”, che non ha lo scopo di vendere prodotti o servizi, ma è diretta alla promozione e diffusione di valori per il miglioramento della società: stiamo parlando della pubblicità sociale. Il presente lavoro si occupa, appunto, del tema della pubblicità sociale, ed in particolar modo, analizza le campagne sociali sulla prevenzione. Per poter approfondire questo argomento, ho ritenuto opportuno intraprendere un ampio percorso, partendo dalla nascita della pubblicità. Il primo capitolo, infatti, è dedicato al fenomeno della pubblicità commerciale, in una prospettiva storica, con l'obiettivo di delineare la situazione italiana prima e dopo la guerra: dalle prime forme su carta stampata, passando attraverso la radio e gli slogan, fino ad arrivare al boom della televisione, che rappresenta uno straordinario motore di modernizzazione. Il capitolo si conclude con un analisi delle caratteristiche di Carosello, la rubrica televisiva interamente dedicata alla pubblicità, che sancisce il debutto di quest’ ultima nella televisione italiana. Il secondo capitolo, invece, si concentra sulle tematiche della persuasione pubblicitaria, di cui la pubblicità costituisce una delle espressioni più tipiche. Anche in questo caso ho scelto di utilizzare una prospettiva storica, esaminando le prime forme di persuasione elaborate dai due pionieri del campo: Kurt Lewin e Carl Hovland. Successivamente, ho approfondito il pensiero dello psicologo americano William McGuire, e gli studi di Richard Petty e John Cacioppo, che compongono una delle teorie attualmente più accreditate: il modello della probabilità di elaborazione. Infine, ho cercato di mettere in evidenza il rapporto tra pubblicità e

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Nicola Palumbo Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3801 click dal 13/10/2009.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.