Skip to content

La customer satisfaction: Ricoveri - Metodologia e risultati di una indagine realizzata presso l’Azienda Ospedaliera “G.S.''

Informazioni tesi

Master Universitario di I° livello in Statistica per la Sanità
  Autore: Claudia Timoftica
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2005
Docente/Relatore: Giorgio Vittadini
Istituito da: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

Negli ultimi anni è sempre più forte l’interesse nei confronti delle problematiche inerenti la qualità dei servizi sanitari, intesa come capacità di soddisfare i bisogni impliciti ed espliciti dei pazienti. Lo studio di tali problematiche ha condotto alla formulazione di diversi modelli concettuali per la valutazione della soddisfazione tanto del fruitore del servizio (patient satisfaction), tanto di chi lavora a vari livelli e con diverso titolo nella struttura sanitaria (job satisfaction). L’ottica della patient satisfaction è quella su cui ci si vuole soffermare, guardando, appunto, il servizio nell’ottica di chi lo riceve, senza tener conto delle difficoltà derivanti dall’intervento sanitario richiesto, in termini non solo di erogazione del servizio stesso, ma anche in termini di difficoltà soggettive legate alla valutazione stessa del paziente.
I giudizi di valutazione da parte dei pazienti sono influenzati, fra l’altro, da elementi culturali e caratteriali, quali la percezione che egli ha della propria salute e della prestazione sanitaria ricevuta, più che dalla salute effettiva o dalla prestazione oggettivamente erogata dalla struttura sanitaria. Inoltre è condizionata dal livello di gravità del suo stato di salute, per cui i soggetti che presentano un quadro clinico “critico” tendono in generale ad attribuire una valutazione meno positiva a parità di prestazione ricevuta. E’ osservabile anche una notevole influenza nelle valutazioni determinata da altri fattori, pure questi fuori dal controllo della struttura sanitaria, quali la conoscenza o meno da parte del paziente di strutture sanitarie di eccellenza o la sua esperienza passata in altre strutture sanitarie, oppure la sua professione o il titolo di studio, ecc. Quindi la misurazione della patient satisfaction dipende soprattutto da fattori psicologici, poiché riflette elementi sia cognitivi che emozionali. E’ per tale ragione che si comprende quanto i servizi sanitari siano caratterizzati dalla presenza di asimmetria informativa tra il paziente che riceve il servizio e la struttura erogante. L’evoluzione dei mass media e della comunicazione in questi ultimi anni assieme al mutato atteggiamento sviluppato dalle amministrazioni pubbliche nei riguardi del cittadino impongono, anche a strutture che finora ne erano state prive, di studiare un proprio linguaggio e progettare architetture per regolare il flusso delle informazioni.
L’aumento dei centri di diffusione, il moltiplicarsi delle fonti, la frammentazione delle opinioni, se non adeguatamente monitorate e regolate, rischiano di compromettere la stabilità esterna e interna di una qualsiasi azienda. Ciò è da considerare con ancor maggior attenzione nel servizio pubblico poiché potrebbero generarsi incomprensioni e deficit di consenso nei cittadini. Le informazioni, tuttavia, una volta predisposta una strategia e un sistema che le organizzi, sono molto preziose e contribuiscono al buon funzionamento dell’insieme.
Negli ultimi anni sono arrivati nuovi mezzi di comunicazione. Internet e la posta elettronica hanno cambiato il modo di fare e distribuire le informazioni.
I canali tradizionali si sono a essi adattati e uniformati e hanno assunto rapidamente lo status di standard di utilizzo.
Al di là degli studi compiuti sull’argomento e delle numerose definizioni della qualità ad opera di esperti e studiosi, le strutture sanitarie, per migliorare la qualità dei servizi erogati, in un’ottica di soddisfazione dei cittadini, dovrebbero concentrare la propria attenzione su quei fattori che si presume possano determinare l’esito clinico più favorevole al paziente, sulla base della conoscenza scientifica e la disponibilità di attrezzature e tecnologie avanzate.
La customer satisfaction riveste, nella cultura della qualità, un ruolo fondamentale; essa crea, o meglio, può creare un circolo virtuoso: il nuovo consumatore è un attore da «coltivare» costantemente da un punto di vista relazionale, non è più un cliente passivo, bensì è in grado di partecipare da coprotagonista alla spirale incrementale della qualità.
Per un’azienda sanitaria la patient satisfaction può rappresentare, quindi, uno dei principali elementi di capitalizzazione, in quanto crea le condizioni per la fidelizzazione e la moltiplicazione della clientela generato dal «passaparola positivo». La fedeltà conquistata consente all’azienda sanitaria di risparmiare notevolmente sugli investimenti di promozione e di immagine, in quanto, com’è noto, il costo di acquisizione di un cliente nuovo è certamente superiore al costo del mantenimento del paziente soddisfatto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Prefazione Negli ultimi anni Ł sempre piø forte l interesse nei confronti delle problematiche inerenti la qualit dei servizi sanitari, intesa co me capacit di soddisfare i bisogni impliciti ed espliciti dei pazienti. Lo studio di tali problematiche ha condotto alla formulazione di diversi modelli concettuali per la valutazione della soddisfazione tanto del fruitore del servizio (patient satisfaction), tanto di chi lavora a vari livelli e con diverso titolo nella struttura sanitaria (job satisfaction). L ottica della patient satisfaction Ł quella su cui ci si vuole soffermare, guardando, appunto, il servizio nell ottica di chi lo riceve, senza tener conto delle difficolt derivanti dall intervento sanitario richiesto, in termini non solo di erogazione del servizio stesso, ma anche in termini di difficolt soggettive legate alla valuta zione stessa del paziente. I giudizi di valutazione da parte dei pazienti sono influenzati, fra l altro, da elementi culturali e caratteriali, quali la percezione che egli ha della propria salute e della prestazione sanitaria ricevuta, piø che dalla salute effettiva o dalla prestazione oggettivamente erogata dalla struttura sanitaria. Inoltre Ł condizionata dal livello di gravit del suo stato di salute, per cui i soggetti che presentano un quadro clinico critico tendono in generale ad attribuire una val utazione meno positiva a parit di prestazione ricevuta. E osservabile anche una notevole influenza nelle valutazioni determinata da altri fattori, pure questi fuori dal controllo della struttura sanitaria, quali la conoscenza o meno da parte del paziente di strutture sanitarie di eccellenza o la sua esperienza passata in altre strutture sanitarie, oppure la sua professione o il titolo di studio, ecc. Quindi la misurazione della patient satisfaction dipende soprattutto da fattori psicologici, poichØ riflette elementi sia cognitivi che emozionali. E per tale ragione che si comprende quanto i servizi sanitari siano caratterizzati dalla presenza di asimmetria informativa tra il paziente che riceve il servizio e la struttura erogante. L evoluzione dei mass media e della comunicazione in questi ultimi anni assieme al mutato atteggiamento sviluppato dalle amministrazioni pubbliche nei riguardi del cittadino impongono, anche a strutture che finora ne erano state prive, di studiare un proprio linguaggio e progettare architetture per regolare il flusso delle informazioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi delle corrispondenze multiple
confronto tra i metodi di stima
customer satisfation
generalized maximum entropy
generalized structured component analysis
linear structural relationship
modelli di valutazione della cs
partial least squares
qualità nella sanità
qualita’ percepita dei servizi sanitari
soddisfazione dei pazienti
statistica sanitaria
valutazione della cs orientato al processo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi