Skip to content

Clownerie e comunicazioni

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Annibaletti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Corso di laurea interfacoltà in Comunicazione interculturale e multimediale
  Corso: Comunicazione interculturale e multimediale
  Relatore: Mario Dossoni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 90

perché clownerie e comunicazione? Viviamo in un’epoca paradossale, in cui possiamo virtualmente raggiungere ogni angolo della terra ed interagire con persone di ogni cultura, etnia, credo politico, religione e estrazione sociale attraverso sms, chat istantanee, social network, email e telefono. Eppure, nella vita reale, quella che non ha bisogno di interfacce e connessioni a internet, abbiamo paura e diffidiamo degli altri, evitando il contatto, lo sguardo, l’incontro. La serietà, creata da regole prescritte dalla società stessa, prevale nella nostra vita quotidiana. Abbondano precetti e formalismi, pregiudizi, tabù, ruoli da mantenere, modelli e convenzioni da seguire.
Così, mentre la realtà virtuale si semplifica sempre di più, diventando accessibile a tutti, dall’altra parte il mondo reale delle interazioni faccia a faccia diventa sempre più complesso e porta ad un isolamento
globalizzante privo di calore umano. L’idea di questa tesi, nata appunto da un’esperienza personale che ha permesso di acquisire la
consapevolezza di quanto detto in precedenza, è quella di proporre una possibile soluzione. Tale soluzione si chiama “clownerie” ed è un modo di vedere le cose e di vivere la propria vita. Quindi clownerie e
comunicazione, perché la clownerie è, prima di ogni altra cosa, comunicazione: significa comunicare emozioni e messaggi non banali nel modo più semplice e puro. Ed essere capiti da tutti, per la sincerità
delle proprie intenzioni, per la semplicità delle proprie espressioni e per l’ingenuità ed empatia dei propri gesti. Una comunicazione di questo tipo permette di superare qualsiasi tipo di stereotipo, favorisce l’incontro con l’altro, apre gli orizzonti, ci permette di riscoprire l’umanità che ci circonda. Non vuol dire regredire ad uno stato infantile o primitivo, ma semplicemente riscoprire dentro di sé la curiosità, il gioco, l’apertura verso il mondo, la sorpresa dei bambini che siamo stati. Ognuno di noi è un clown in potenza. Nella moderna società quindi, il clown, così paradossalmente autentico (nonostante trucchi, parrucche e naso rosso), rappresenta una via d’uscita, una nuova situazione di equilibrio nei confronti della vita. In un mondo in cui tutti hanno paura, il clown trasforma le nostre debolezze in energia vitale che viene comunicata agli altri e per questo solidifica i rapporti tra esseri umani. Forse il clown è il futuro dell’uomo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Università degli Studi di Pavia CORSO DI LAUREA INTERFACOLTÀ IN COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE Giulia Annibaletti | Clownerie e Comunicazione 6 La tesi che segue vuole essere un ritratto della figura del clown, del suo particolare modo di comunicare e delle implicazioni che esso può avere nel mondo moderno, in particolare nelle nuove società multietniche. Detto ciò, credo che la domanda più importante a cui rispondere in un'introduzione di questo tipo sia: perché? Perché il clown? L'idea nasce da un'esperienza personale. Personalissima. Nell'estate del 2008, il che significa all'incirca un anno fa, ho avuto una specie di illuminazione. Su cosa? Mi piacerebbe poter dire "sul significato della vita e dell'esistenza", ma temo che per quello dovrò ancora attendere parecchio. La mia illuminazione, anch'essa personale, riguarda invece l'estrema complicatezza in cui viviamo e con cui percepiamo ciò che ci circonda. O meglio ... la complicatezza che ci creiamo attorno, anche laddove tutto potrebbe essere infinitamente più semplice. Ottusità percettiva? Forse. Ma anche mancato allenamento e progressiva perdita di capacità naturali, quali la genuina e infantile capacità di sorprendersi davanti al mondo. Tale illuminazione ha ben poco di divino: è il risultato di un anno di Servizio Civile e di 10 giorni di clownerie intensiva. Di un progetto di scambio interculturale intitolato "We Clown: I can, You can!" e dall'ambizioso obiettivo di trasformare il clown in un elemento unificante tra culture e storie diverse. È il risultato di incontri straordinari con persone comuni e di un anno di ricerca sul vero significato dell'essere clown. L'essenza clownesca per eccellenza. Immagino però che questa breve risposta alla domanda "perché?" non faccia altro che sollevare altri quesiti. Cosa c'entra il clown? Cosa si può trovare di così eccezionale in un semplice, banalissimo, clown? Banale perché ovunque: ci sono i clown di McDonald, i clown sulle carte, i clown che pubblicizzano qualsiasi prodotto, i clown che fanno paura come IT, i clown alle feste dei bambini ... ah, sì, ci sono anche i clown del circo e quelli della televisione! La domanda di fondo quindi sarebbe: chi è davvero un clown? Ed ecco che si spiega l'illuminazione. Un clown è una persona normale che sa guardare le cose in maniera eccezionale, che sa comunicare senza bisogno di parole, che sa mettersi in gioco in ogni situazione, che può unire infiniti mondi e sa fare di situazioni difficili momenti di allegria. Tutti siamo clown. O perlomeno lo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

azioni di strada
clown
clownerie
clownterapia
comunicazione
comunicazione interculturale
comunicazione interpersonale
comunicazione multimediale
educazione non formale
mediazione interculturale
nouveau clown

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi