Skip to content

Portfolio insurance e strategie dinamiche

Informazioni tesi

  Autore: Carlo Chiodo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Statistiche
  Corso: Statistica economica, finanziaria ed attuariale
  Relatore: Gilberto Castellani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

La portfolio insurance può essere intesa come una polizza assicurativa su un portafoglio rischioso, ad esempio azionario, che consenta di controllare il livello di rischio, permettendo allo stesso tempo di sfruttare, in termini di rendimento, i vantaggi dell’investimento azionario. L’obiettivo di queste tecniche è quindi quello di proteggere il valore dell’investimento da potenziali ribassi del mercato e di beneficiare, contestualmente, dell’opportunità di significative rivalutazioni in caso di crescita dei corsi azionari.

Il presente elaborato si prefigge l’obiettivo di analizzare i principi base di funzionamento della portfolio insurance unitamente agli schemi di gestione dinamica dei portafogli finanziari.
Il primo passo è stato quello di definire i possibili schemi di attuazione della portfolio insurance e, successivamente, gli schemi di dynamic hedging.

In seguito sono state brevemente introdotte le diverse strategie di gestione, che vengono adottate a seconda dell’andamento dei mercati ed hanno ognuna un differente ritorno atteso.
Nella seconda parte viene introdotta la Dynamic Fund Protection, concetto relativamente nuovo nel mercato finanziario che garantisce un predeterminato livello di protezione ad un investitore che possiede il fondo sottostante: in pratica generalizza il concetto di opzione put che offre un solo valore del floor ad una data stabilita. Il pricing della DFP è stato analizzato da diverse angolature: con l’approccio di Gerber e Pafumi, che lo considera nel continuo, e con un monitoraggio nel discreto, che risulta più utile per la gestione del contratto; in seguito sono riportati alcuni esempi numerici per analizzare e confrontare i diversi metodi di pricing. In chiusura di questo capitolo, discutendo dei possibili sbocchi della Dynamic Asset Allocation, viene evidenziato come le strategie dinamiche siano utilizzate per diverse applicazioni: si introduce anche il concetto di come la Portfolio Insurance sia l’unica nella quale le suddette strategie siano state utilizzate in maniera rilevante. La diversità tra le due forme di copertura è che la DAA è in grado di simulare lo schema di payoff di ogni tipo di opzione, mentre la PI è progettata per replicare soltanto il modello di payoff in presenza di una opzione put nel portafoglio, e le considerazioni successive mettono in evidenza che una strategia DAA potrebbe essere intesa come il caso più generale, in termini di orizzonte temporale e libertà di gestione, tra le coperture di portafoglio.
Nella terza sezione è stata trattata per esteso la Constant Proportion Portfolio Insurance, che viene attuata prendendo in considerazione l’exposure azionaria, un moltiplicatore predeterminato in base al quale varia l’aggressività della strategia, e un cushion, margine di sicurezza dato dalla differenza tra il valore del fondo di investimento e il costo di un adeguato titolo obbligazionario a sconto privo di rischio, il bond-floor: per quanto riguarda quest’ultimo elemento il valore nominale e la scadenza devono coincidere rispettivamente con il valore finale coperto e con la data di scadenza scelta per la copertura. Queste strategie assicurano sempre quanto meno il valore coperto, infatti al diminuire del valore del sottostante, e dunque del cushion, anche l’exposure rischiosa si riduce; ciò implica che se il margine di sicurezza stesse per raggiungere il livello zero tutto il capitale verrebbe investito nel titolo obbligazionario privo di rischio che assicurerebbe il valore coperto alla scadenza: l’ obiettivo della strategia è dunque quello di garantire che il valore del fondo sia maggiore o uguale a quello del floor in ogni istante della copertura.
Per meglio descrivere questo modello di gestione di portafoglio è stato analizzato un caso concreto relativo, nello specifico, all’utilizzo della CPPI nella polizza index-linked TRIO , un prodotto Postevita del gruppo Posteitaliane: attraverso una simulazione con metodo Monte Carlo, è stato calcolato il fair value del contratto e delle sue componenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa La Portfolio Insurance ( PI ), l’assicurazione di portafoglio, e` un prodot- to finanziario utilizzato per la protezione dei titoli di un determinato portafoglio, con enormi potenzialita` di attrazione per quegli investitori disponibili a partecipare ad investimenti rischiosi limitando pero` le pos- sibili perdite. La PI e` stata sviluppata solo di recente rispetto alle altre forme di assicurazione, che hanno alla base i principi di raggruppamento di rischi indipendenti tra loro o la coassicurazione. Nella PI gli investitori possono ridurre il rischio dei loro portafogli con una procedura analoga a quella attuata dalle Compagnie di Assicurazione, cioe` mediante diversi- ficazione, anche se cio` non e` sempre sufficiente ( alcuni rischi fortemente correlati tra loro, definiti uninsurable, mantengono la loro valenza an- che con diversificazione ); per questa ragione la PI non e` una creazione dell’industria assicurativa, ma il prodotto di una applicazione della teo- ria finanziaria sviluppata nel mondo accademico. Pertanto per attuare un programma di PI un investitore istituzionale non puo` semplicemente comprare una polizza da una Compagnia di Assicurazione: deve creare, o far creare, un tipo di investimento che possa replicare un modello offerto da una ipotetica polizza assicurativa; poiche` questo comporta tipicamente una riallocazione continua degli assets, il processo di PI e` spesso chiamato DYNAMIC HEDGING. Evoluzione storica della Portfolio Insurance Il prodotto finanziario conosciuto come Portfolio Insurance nacque la notte dell’11 settembre 1976. Hayne Leland era appena tornato dalla Fran- 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

caratterizzazione di strategie cppi
esclusione di short sales
il metodo monte carlo per il pricing della dfp
il pricing della dynamic fund protection
le strategie stop loss
l’option based portfolio insurance
portfolio insurance
scomposizione del valore dell’investimento
strategie buy-and-hold
strategie constant mix
strategie constant proportion
strategie di gestione del portafoglio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi