Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il gallerista come tramite tra il pubblico e l'artista. Una ricerca.

In questa tesi è stata svolta una ricerca allo scopo di inquadrare sia la figura dell'artista che del gallerista ed il rapporto che intercorre tra di essi. Nella parte teorica sono stati analizzati i concetti di sistema dell'arte ed i suoi agenti (artista, gallerista, galleria, opera d'arte e pubblico), di mercato dell'arte ed in particolare di mercato dell'arte contemporanea ed infine il concetto di creatività e la connessa personalità.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO PRIMO IL SISTEMA ARTE Con il termine sistema si intende la “connessione di elementi in un tutto organico e funzionalmente unitario, elementi in stretto rapporto fra loro, destinati a determinati scopi e finalità” (Devoto, Oli, 2003, p. 1956). Il critico italiano Achille Bonito Oliva 1 definisce il sistema dell’arte come “…una catena di Sant’Antonio che comprende l’artista che crea, il critico che riflette, il gallerista che espone, il mercante che vende, il collezionista che tesaurizza, il museo che storicizza, i media che celebrano ed il pubblico che contempla. Questa catena è frutto della solidarietà fra diversi portatori di professionalità individuali il cui raccordo produce un valore aggiunto , un plus valore, ossia il concetto di Superarte”; si crea, quindi, un soggetto collettivo che è il sistema dell’arte, dove ogni soggetto è portatore di un elemento. Il sistema dell’arte contemporanea, secondo il curatore Francesco Poli (1999) è definibile come “il risultato di un processo di moltiplicazione delle espressioni artistiche e culturali proprie della nostra contemporaneità oltre che di una accelerazione delle complessità e delle dinamiche dei vari movimenti artistici del nostro tempo”. Il concetto di “campo artistico” di Bourdieu (1971) (cit. in Brosio, Santagata, 1992) coglie sia l’opposizione tra i vari attori del sistema dell’arte, sia le relazioni tra quelli e le istituzioni sociali. Il campo intellettuale e artistico è il luogo in cui si realizza la nuova funzione sociale dell’artista. La sua autonomia si afferma parallelamente alla 1 2006, I venerdì del Direttore c/o Scuola Normale Superiore di Pisa

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Susanna Pacchioni Contatta »

Composta da 50 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2019 click dal 15/10/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.