Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'orizzonte pucciniano del cinema contemporaneo

Il cinema ha guardato sin dagli albori alla musica classica e al teatro come terreni fertili dai quali raccogliere i suoi frutti migliori, utilizzandoli poi per i propri scopi. Dopo i primissimi anni (quelli che vanno dal 1888, anno di invenzione del cinematografo, al primo decennio del Novecento) nei quali il vero spettacolo del cinema era semplicemente il suo essere una forma di “fotografia animata”, un cinema che attraeva per la rappresentazione verosimile di figure in movimento, per i primi trucchi e per le visioni di luoghi, animali e popoli lontani, senza dare particolare importanza alla narrazione di una storia (o almeno non in maniera prevalente), il semplice guardare delle figure muoversi su uno schermo non bastava più. Si iniziò allora a rappresentare storie conosciute dal pubblico, riprendendole dalla tradizione letteraria e teatrale, con l’accompagnamento musicale di un pianista presente in sala che suonava le canzoni e le arie più in voga del momento.
È da questa fase che si inizia a guardare a Giacomo Puccini e alle sue opere come fonte di ispirazione. Il repertorio del musicista lucchese (del quale è da poco ricorso il 150° anniversario della nascita, avvenuta il 22 dicembre 1858) fu ampiamente usato dai cineasti dell’epoca per la popolarità delle sue opere, dovuta a storie dalla grande capacità di guardare alla quotidianità e alla natura fortemente melodrammatica delle composizioni, oltre all’esaltazione della figura della donna, che per Puccini unisce in sé umiltà e travolgente passionalità. Elementi questi dalla forte carica emozionale, che hanno fatto sì che l’interesse del mondo del cinema per il lavoro del Maestro toscano si sia evoluto nel corso dei decenni secondo un percorso non netto, ma comunque piuttosto definibile.
L’aver posto come forma di espressione privilegiata l’opera lirica pone il corpus dei lavori di Puccini come bacino al quale attingere sotto due punti di vista: quello letterario (la ripresa della storie narrate dai libretti) e quello musicale (la ripresa di arie o di intere partiture). Pier Marco De Santi e la Fondazione Festival Pucciniano, nell’ambito di una ricerca durata due anni sui rapporti tra il Maestro e il cinema , ha classificato (in verità in modo non troppo sistematico) tutti i film in questione, sicché le varie combinazioni di questi due aspetti danno vita ad una suddivisione delle pellicole che variamente si ispirano alle opere del compositore lucchese in vari filoni, trasversali a livello di genere, ma coesi al loro interno; così troviamo:
a) film ispirati dalle storie narrate nei libretti d’opera, spesso (ma non sempre) accompagnati dalle musiche del Maestro;
b) i “film-opera” , ovvero versioni cinematografiche delle opere liriche, appositamente allestite per il grande schermo e generalmente interpretate da cantanti lirici;
c) le cosiddette “opere parallele” , ovvero film che, pur rifacendosi all’ossatura delle trame dei romanzi da cui i melodrammi pucciniani hanno preso vita, li decontestualizzano e li riportano (nella maggior parte dei casi) alla contemporaneità, spostando il peso della narrazione attraverso aggiunta e sottrazione di nuovi personaggi, ambientazioni del tutto nuove rispetto alle originali e musiche che possono avere due ruoli: quello di colonna sonora (con un adeguato arrangiamento e coordinamento) o quello di “brano originale”, con la ripresa delle arie più famose cantate dagli attori (spesso doppiati in playback da cantanti celebri);
d) il filone del “Puccini-smo” , ovvero il variegato e complesso insieme di pellicole che attinge alla sorta di deposito creativo composto dalle musiche di Puccini per i commenti sonori all’interno dei più svariati contesti filmici;
e) i film biografici, che propongono riletture più o meno romanzate della vita e della carriera del musicista toscano

Mostra/Nascondi contenuto.
2    Introduzione    Il cinema ha guardato sin dagli albori alla musica classica e al teatro come terreni fertili  dai  quali  raccogliere  i  suoi  frutti migliori,  utilizzandoli  poi  per  i  propri  scopi. Dopo  i  primissimi anni  (quelli che vanno dal 1888, anno di  invenzione del cinematografo, al  primo  decennio  del  Novecento)  nei  quali  il  vero  spettacolo  del  cinema  era  semplicemente  il  suo  essere  una  forma  di  “fotografia  animata”,  un  cinema  che  attraeva per la rappresentazione verosimile di figure in movimento, per i primi trucchi  e per  le visioni di  luoghi, animali e popoli  lontani, senza dare particolare  importanza  alla  narrazione  di  una  storia  (o  almeno  non  in  maniera  prevalente),  il  semplice  guardare  delle  figure muoversi  su  uno  schermo  non  bastava  più.  Si  iniziò  allora  a  rappresentare storie conosciute dal pubblico, riprendendole dalla tradizione letteraria  e  teatrale,  con  l’accompagnamento  musicale  di  un  pianista  presente  in  sala  che  suonava le canzoni e le arie più in voga del momento.   È da questa fase che si inizia a guardare a Giacomo Puccini e alle sue opere come fonte  di  ispirazione.  Il repertorio del musicista  lucchese (del quale è da poco ricorso  il 150°  anniversario  della  nascita,  avvenuta  il  22  dicembre  1858)  fu  ampiamente  usato  dai  cineasti  dell’epoca  per  la  popolarità  delle  sue  opere,  dovuta  a  storie  dalla  grande  capacità di guardare alla quotidianità e alla natura fortemente melodrammatica delle  composizioni, oltre all’esaltazione della figura della donna, che per Puccini unisce in sé  umiltà e  travolgente passionalità. Elementi questi dalla  forte  carica emozionale,  che  hanno fatto sì che l’interesse del mondo del cinema per il lavoro del Maestro toscano  si  sia  evoluto nel  corso dei decenni  secondo un percorso non netto, ma  comunque  piuttosto definibile.   L’aver posto  come  forma di  espressione privilegiata  l’opera  lirica pone  il  corpus dei  lavori  di  Puccini  come  bacino  al  quale  attingere  sotto  due  punti  di  vista:  quello  letterario (la ripresa della storie narrate dai libretti) e quello musicale (la ripresa di arie  o  di  intere  partiture).  Pier  Marco  De  Santi  e  la  Fondazione  Festival  Pucciniano, 

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Pagliariccio Marco Contatta »

Composta da 93 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 795 click dal 19/10/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.