Skip to content

L'orizzonte pucciniano del cinema contemporaneo

Informazioni tesi

  Autore: Pagliariccio Marco
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Comunicazione Multimediale - indirizzo editoria
  Relatore: Anton Giulio Mancino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 93

Il cinema ha guardato sin dagli albori alla musica classica e al teatro come terreni fertili dai quali raccogliere i suoi frutti migliori, utilizzandoli poi per i propri scopi. Dopo i primissimi anni (quelli che vanno dal 1888, anno di invenzione del cinematografo, al primo decennio del Novecento) nei quali il vero spettacolo del cinema era semplicemente il suo essere una forma di “fotografia animata”, un cinema che attraeva per la rappresentazione verosimile di figure in movimento, per i primi trucchi e per le visioni di luoghi, animali e popoli lontani, senza dare particolare importanza alla narrazione di una storia (o almeno non in maniera prevalente), il semplice guardare delle figure muoversi su uno schermo non bastava più. Si iniziò allora a rappresentare storie conosciute dal pubblico, riprendendole dalla tradizione letteraria e teatrale, con l’accompagnamento musicale di un pianista presente in sala che suonava le canzoni e le arie più in voga del momento.
È da questa fase che si inizia a guardare a Giacomo Puccini e alle sue opere come fonte di ispirazione. Il repertorio del musicista lucchese (del quale è da poco ricorso il 150° anniversario della nascita, avvenuta il 22 dicembre 1858) fu ampiamente usato dai cineasti dell’epoca per la popolarità delle sue opere, dovuta a storie dalla grande capacità di guardare alla quotidianità e alla natura fortemente melodrammatica delle composizioni, oltre all’esaltazione della figura della donna, che per Puccini unisce in sé umiltà e travolgente passionalità. Elementi questi dalla forte carica emozionale, che hanno fatto sì che l’interesse del mondo del cinema per il lavoro del Maestro toscano si sia evoluto nel corso dei decenni secondo un percorso non netto, ma comunque piuttosto definibile.
L’aver posto come forma di espressione privilegiata l’opera lirica pone il corpus dei lavori di Puccini come bacino al quale attingere sotto due punti di vista: quello letterario (la ripresa della storie narrate dai libretti) e quello musicale (la ripresa di arie o di intere partiture). Pier Marco De Santi e la Fondazione Festival Pucciniano, nell’ambito di una ricerca durata due anni sui rapporti tra il Maestro e il cinema , ha classificato (in verità in modo non troppo sistematico) tutti i film in questione, sicché le varie combinazioni di questi due aspetti danno vita ad una suddivisione delle pellicole che variamente si ispirano alle opere del compositore lucchese in vari filoni, trasversali a livello di genere, ma coesi al loro interno; così troviamo:
a) film ispirati dalle storie narrate nei libretti d’opera, spesso (ma non sempre) accompagnati dalle musiche del Maestro;
b) i “film-opera” , ovvero versioni cinematografiche delle opere liriche, appositamente allestite per il grande schermo e generalmente interpretate da cantanti lirici;
c) le cosiddette “opere parallele” , ovvero film che, pur rifacendosi all’ossatura delle trame dei romanzi da cui i melodrammi pucciniani hanno preso vita, li decontestualizzano e li riportano (nella maggior parte dei casi) alla contemporaneità, spostando il peso della narrazione attraverso aggiunta e sottrazione di nuovi personaggi, ambientazioni del tutto nuove rispetto alle originali e musiche che possono avere due ruoli: quello di colonna sonora (con un adeguato arrangiamento e coordinamento) o quello di “brano originale”, con la ripresa delle arie più famose cantate dagli attori (spesso doppiati in playback da cantanti celebri);
d) il filone del “Puccini-smo” , ovvero il variegato e complesso insieme di pellicole che attinge alla sorta di deposito creativo composto dalle musiche di Puccini per i commenti sonori all’interno dei più svariati contesti filmici;
e) i film biografici, che propongono riletture più o meno romanzate della vita e della carriera del musicista toscano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2    Introduzione    Il cinema ha guardato sin dagli albori alla musica classica e al teatro come terreni fertili  dai  quali  raccogliere  i  suoi  frutti migliori,  utilizzandoli  poi  per  i  propri  scopi. Dopo  i  primissimi anni  (quelli che vanno dal 1888, anno di  invenzione del cinematografo, al  primo  decennio  del  Novecento)  nei  quali  il  vero  spettacolo  del  cinema  era  semplicemente  il  suo  essere  una  forma  di  “fotografia  animata”,  un  cinema  che  attraeva per la rappresentazione verosimile di figure in movimento, per i primi trucchi  e per  le visioni di  luoghi, animali e popoli  lontani, senza dare particolare  importanza  alla  narrazione  di  una  storia  (o  almeno  non  in  maniera  prevalente),  il  semplice  guardare  delle  figure muoversi  su  uno  schermo  non  bastava  più.  Si  iniziò  allora  a  rappresentare storie conosciute dal pubblico, riprendendole dalla tradizione letteraria  e  teatrale,  con  l’accompagnamento  musicale  di  un  pianista  presente  in  sala  che  suonava le canzoni e le arie più in voga del momento.   È da questa fase che si inizia a guardare a Giacomo Puccini e alle sue opere come fonte  di  ispirazione.  Il repertorio del musicista  lucchese (del quale è da poco ricorso  il 150°  anniversario  della  nascita,  avvenuta  il  22  dicembre  1858)  fu  ampiamente  usato  dai  cineasti  dell’epoca  per  la  popolarità  delle  sue  opere,  dovuta  a  storie  dalla  grande  capacità di guardare alla quotidianità e alla natura fortemente melodrammatica delle  composizioni, oltre all’esaltazione della figura della donna, che per Puccini unisce in sé  umiltà e  travolgente passionalità. Elementi questi dalla  forte  carica emozionale,  che  hanno fatto sì che l’interesse del mondo del cinema per il lavoro del Maestro toscano  si  sia  evoluto nel  corso dei decenni  secondo un percorso non netto, ma  comunque  piuttosto definibile.   L’aver posto  come  forma di  espressione privilegiata  l’opera  lirica pone  il  corpus dei  lavori  di  Puccini  come  bacino  al  quale  attingere  sotto  due  punti  di  vista:  quello  letterario (la ripresa della storie narrate dai libretti) e quello musicale (la ripresa di arie  o  di  intere  partiture).  Pier  Marco  De  Santi  e  la  Fondazione  Festival  Pucciniano, 

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adrian lyne
amenabar
aria
attrazione fatale
bohème
butterfly
cinema
colonna sonora
comencini
critica
david cronenberg
ecce bombo
gus van sant
kaurismaki
mare dentro
olivier jacquot
peter jackson
postfordismo
postmoderno
puccini
russell
teatro
tosca

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi