Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Attività motoria ed invecchiamento - Promozione della resilienza per un invecchiamento positivo

Questa tesi si propone di analizzare diversi contibuti della letteratura psicologica, medica e sportiva sulla resilienza e sulla possibilità di promuovere ed attivare capitali resilienti nell'individuo attraverso peculiari programmi di attività motoria. Nel dettaglio vengono analizzate diverse definizioni del costrutto di resilienza, anche legato a quello di self-efficacy e si offre una rassegna di differenti programmi di attività fisica legati all'esercizio di capacità fisiche, cognitive e meditative nello stesso tempo. Vengono inseriti dati di ricerca sugli effetti dell'Enhance fitness program e di attività basate sulla disciplina del tai chi, in una forma di moderato esercizio aerobico adatto all'età matura.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Questa tesi si pone l’obiettivo di stilare una rassegna delle principali riflessioni scientifiche sul tema dell’attività motoria come strumento di promozione della resilienza anche sottoforma di prevenzione e sostegno dei disturbi e delle modificazioni psicofisiche associate al processo di invecchiamento. Il primo capitolo sarà incentrato su una presentazione del costrutto di resilienza, delle modalità di una sua operazionalizzazione ed impiego entro la ricerca sull’invecchiamento positivo. Una doverosa premessa si impone rispetto all’importanza di inquadrare il concetto di resilienza includendo in esso le varie componenti che lo determinano nell’ambito dell’esperienza di vita senile, senza perdere di vista la specificità del suo significato. In effetti, in poche ricerche sul tema esso è misurato come un costrutto unitario, ancor meno in relazione all’esiguo numero di studi, seppur crescente, sugli anziani e spesso la connotazione più strettamente psicologica del termine viene estesa dalla letteratura medico-scientifica a spese di una avventata genericità. Nello stesso capitolo, si accennerà alle ricerche recenti sull’individuazione delle avversità specifiche del processo di invecchiamento che maggiormente chiamano in causa le abilità resilienti degli anziani e grande peso rivestono sulla percezione di benessere dell’individuo. Il secondo capitolo andrà al tema centrale di questo lavoro, trattando dell’attività motoria mirata alla promozione della resilienza nell’invecchiamento attraverso influenze dirette ed indirette sulla salute psico-fisica degli anziani. In particolare, si farà riferimento alle ricerche ed ai programmi già in uso fondati essenzialmente su tecniche di rieducazione posturale, attività aerobica e di potenziamento muscolare, respirazione diaframmatica. Si sottolineeranno gli esiti sulla resilienza di una ginnastica focalizzata sull’acquisizione di automatismi fisiologicamente corretti da “spendere” nei movimenti quotidiani all’interno Attività motoria ed invecchiamento promozione della resilienza nella prospettiva di un invecchiamento positivo 3

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Rachele Donati Contatta »

Composta da 39 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4680 click dal 23/10/2009.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.