Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Teorie e tecniche della paura di massa. Il TG1 e il TG5 tra la cronaca della (in)sicurezza e la Campagna per le Politiche 2008

Il paradosso ultimo della modernità potrebbe rispecchiarsi nel rischio di un ritorno a sentimenti di esaltazione dell'ethnos già oscuramente sperimentati in passato...

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Sul sangue buttarono rena e entraron di corsa i pagliacci V. Capossela, I pagliacci “Scusate, posso? mi apre? Perché dormite in macchina?”1. Nei giorni in cui sono in corso le ultime, piccole revisioni del presente lavoro, un violento terremoto ha colpito l’Abruzzo causando lutti e distruzioni. E a caldo sui Tg nazionali si è avuto modo di assistere ancora una volta all’aspetto forse più imbarazzante di un mestiere difficile quale quello del giornalista, l’importanza del quale dovrebbe essere determinante in ogni società civile: commenti banali da studio e domande inopportune poste con indiscreta invadenza dagli inviati sui luoghi della tragedia – “come va? cosa prova?” - si sono succedute in tutti i maggiori telegiornali generalisti e hanno fatto il giro della rete suscitando ilare, amara indignazione2. Nel contempo nell’edizione serale del Tg1 del 7 aprile 2009 la conduttrice ha ringraziato in diretta, a nome della redazione, il direttore uscente per l’impegno e la professionalità della testata che ha confermato il ruolo di leader dell’informazione grazie agli “ascolti record registrati in tutte le edizioni della giornata del terremoto in Abruzzo” e via continuando per oltre un minuto e mezzo di autosperticate lodi. Non è dato sapere il grado di autoconsapevolezza delle redazioni in merito all’imbarazzo che questo tipo di televisione può produrre almeno su una parte dei cittadini-spettatori. Soprattutto non è dato allo stato dell’arte intravedere un ridimensionamento della componente più aggressiva e 1 Si tratta di una serie di domande inopportune con le quali la sera del sisma un’inviata di un Tg nazionale si aggirava tra le auto di chi, avendo perso casa, vi aveva trovato riparo per la notte (Tg5 h 20, 7 aprile 2009). 2 A parte le edizioni on line di alcuni quotidiani, le sequenze di tali interventi “impropri” degli inviati di Tg e rotocalchi si trovano comunemente su youtube (http://www.youtube.com/watch?v=- C_Nm4Qwneg). Data ultima consultazione: 19 aprile 2009.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Massimiliano Barlattani Contatta »

Composta da 150 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1106 click dal 26/10/2009.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.