Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli di reti complesse basati sul grado di aggregazione

Nel corso della tesi sono stati sviluppati dei nuovi modelli di reti complesse. È stato analizzato il loro comportamento in seguito alla variazione della metodologia di creazione di connessioni tra i nodi, di una soglia prefissata da cui dipende la scelta dei nodi a cui connettersi, con valore compreso tra 0 e 1.
Per i diversi modelli presentati vengono analizzati , in seguito alla variazione della soglia, l'andamento dei parametri caratteristici delle reti e le variazioni di topologia.
I risultati ottenuti mostrano che le reti analizzate, fondono delle buone caratteristiche locali a buone caratteristiche globali, permettendo quindi una veloce comunicazione anche tra nodi molto distanti tra loro.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo I Le reti complesse 1 CAPITOLO 1 LE RETI COMPLESSE 1.1 DEFINIZIONI E CONCETTI CHIAVE Una rete generica può essere rappresentata come un grafo G = (N, K), nel quale N rappresenta l’insieme dei nodi (vertici) della rete e K è il numero di archi (links), che rappresentano le interazioni tra i componenti della rete. Ad esempio, in Internet i nodi sono router mentre gli archi sono connessioni fisiche tra loro; nelle reti neurali i nodi sono neuroni e gli archi sono connessioni sinaptiche che li uniscono. Generalmente ci si riferisce ad un nodo tramite la posizione i all’interno dell’insieme N. Ciascuna connessione è definita da una coppia di nodi i e j e si denota con (i, j) o lij. In un grafo orientato l’ordine dei due nodi è importante: lij indica una connessione dal nodo i verso il nodo j, ragion per cui lij ≠ lji. In un grafo non orientato, viceversa, l’ordine dei nodi non è importante, dunque lij indica l’esistenza di un collegamento tra i due nodi i e j. In particolare se esiste un arco che collega due nodi, questi ultimi si definiscono adiacenti.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Lorenzo Tomasi Contatta »

Composta da 213 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1249 click dal 28/10/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.